POZZILLI – Pellegrinaggio di Canneto, quaranta chilometri di fede, tradizione e ricordi

pellegrinaggio pozzilli canneto
Blackberries Venafro

POZZILLI – Anche quest’anno si è concluso il pellegrinaggio della “Compagnia di Pozzilli Madonna di Canneto”. Quaranta chilometri di fede, tradizione e ricordi.

E’ divenuto, ormai per molti, un piacevole e sentito appuntamento.

Ogni anno, migliaia di pellegrini intraprendono un cammino, in segno di devozione, verso il Santuario della Madonna di Canneto (Basilica Pontificia Minore) che sorge nel cuore del parco Nazionale d’Abruzzo, a m. 1020 s.l.m., alle falde del sottogruppo montano del Meta, dove sgorgano freschissime le acque del Melfa, nell’amena e pittoresca valle omonima.

Proprio nel Santuario si trova una statua della Madonna. E’ una struttura in legno: volto bruno ed occhi penetranti. Nella tradizione dell’iconografia mariana si riallaccia all’antico tema della Madonna col Bambino seduta in trono.  La tradizione vuole che questa sia portata in processione da Settefrati al Santuario. Per l’occasione i fedeli giungono a Canneto organizzati in “compagnie“, precedute da stendardi dei paesi di appartenenza.

Non poteva mancare Pozzilli.

Infatti, sabato scorso 19 agosto da “le case ‘r N’dulle” alle ore 10,00 del mattino, ha avuto inizio il Pellegrinaggio in onore della Madonna di Canneto della Compagnia di Pozzilli. Di fronte alla statua della Santa e la presenza del Sindaco e del Parroco è stata impartita la benedizione a tutti i partecipanti.

Il ricordo è andato al mitico “Totonno”, persona allegra e di ottima compagnia e al compianto Nicandro Tasso, da sempre “l’organizzatore” per eccellenza del pellegrinaggio. Scomparso da pochi anni, ha lasciato il “testimone”  al giovane Domenico Fella che sapientemente e con grande senso di responsabilità ha preso le redini dell’organizzazione del pellegrinaggio.

Quest’anno il gruppo ha registrato un numero di partecipanti nettamente superiore agli altri anni con la partecipazione di numerosi bambini che hanno dato prova di grande forza fisica e notevole condivisione dell’esperienza intrapresa.

A loro,  Giuseppe Iannarelli, Pietro Arnaldo Biello e Antonio Lucenteforte è stato affidato lo stendardo da portare al Santuario.

Dopo 9 ore di cammino il gruppo è giunto al rifugio Valente di San Biagio Saracinisco, a nord del lago di Cardito, dove, dopo essersi riposati e dopo aver mangiato, hanno trascorso la notte.

Il giorno successivo, alle 7,00 del mattino, il gruppo, dopo un momento di raccoglimento, ha ripreso il cammino.

Il passaggio nella valle monacesca tra monte Cavallo e monte Forcellone,  in una stupenda giornata di sole, ha reso meno faticoso il percorso facendo godere delle meraviglie del Creato.  E dopo aver attraversato i prati racchiusi tra il Monte Predicopeglia e Costa della Cicogna, giunti sulla pista di sci di Prato di Mezzo, hanno fatto una breve sosta.

Ripartiti, finalmente alle 14,00 alla fatica del cammino è subentrata la meraviglia, lo stupore e la soddisfazione della visione del  Santuario del Canneto.

Le voci di altri pellegrini si fanno sempre più vicine e il passo aumenta sempre più. Tra la vegetazione ecco che spuntiamo fuori e si apre dinanzi a noi la meravigliosa vallata. -Comunicano entusiasti i pellegrini pozzillesi-  Ci “ricomponiamo” in gruppo e con lo stendardo in testa andiamo verso il Santuario in religioso silenzio dove Don Antonio Molle, parroco del Santuario, ci accoglie di fronte alla statua della Madonna di Canneto e ci impartisce una solenne benedizione.

La serata trascorre piacevole e tranquilla in attesa degli altri 50 pellegrini di Pozzilli arrivati a gruppi. Tutto si conclude con la processione suggestiva che corona questa “tre giorni” di fede e ricordo.

Un plauso ancora all’organizzatore e un grazie a tutti i partecipanti, elencati di seguito, già in attesa del prossimo anno!

Biello Antonio, Biello Pietro Arnaldo, Berardi Ester, Cambio Francesca, Carcillo Daniele, Coletta Antonino, D’Antonio Claudio, Di Iorio Paola, De Rita Alessandro, Di Silvestro Carmen, Fabrizio Guido, Fella Domenico, Fiore Ornella, Forte Fabrizio, Fuoco Enzo, Giagnorio Anna, Iannarelli Giuseppe, Iannarelli Roberto, Izzi Giovanni, Lucenteforte Antonio, Lucenteforte Fabio, Pacitti Carlo, Pirolli Elisa, Valentino Silvio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

PUBBLICITà »

Blackberries Venafro

Scarica l’App Molise Network »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Blackberries Venafro
error: Content is protected !!