INCENDI – Roghi sulle montagne venafrane, Petraoia: ” troppi ritardi”

incendio Venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
Smaltimenti Sud
vaccino salva vita
mama caffè bar venafro
pasta La Molisana

CAMPOBASSO – Incendi nel venafrano che ormai imperversano da oltre 10 giorni, da San Vittore sono arrivati al confine tra Abruzzo Molise e Lazio alle spalle della montagna dell’abitato di  Venafro.

Il consigliere regionale Michele Petraroia scrive alle autorità locali, dal sindaco di Venafro fino ai massimi vertici del Consiglio dei ministri rivolgendosi soprattutto a quei responsabili di Ministeri specifici come ambiente cultura agricoltura territorio mettendo, quindi, in evidenza come siano intuibili i timori della popolazione e le “preoccupazioni dell’Amministrazione Comunale, e destano sconcerto i ritardi nell’azione di spegnimento da cui sono derivati danni immani al patrimonio ambientale, agricolo e forestale con conseguenze disastrose per un’area di pregio e per lo stesso Parco Regionale dell’Olivo.

Nel ringraziare il Prefetto di Isernia per la solerzia e la costanza con cui ha seguito gli eventi, sollecito ogni utile azione di accertamento sulle diverse responsabilità istituzionali che nel corso degli undici giorni trascorsi dall’avvio dell’incendio non hanno valutato adeguatamente i rischi a cui erano esposti i cittadini, le imprese ed il vasto territorio coinvolto dallo svilupparsi degli incendi”.

Quindi fa delle osservazioni tecniche sugli interventi istituzionali che in questi casi si concentrano su amergenze di questo tipo.

“Dopo l’accorpamento del Corpo Forestale dello Stato nell’Arma dei Carabinieri, i Vigili del Fuoco si sono ritrovati ad essere l’unico punto di riferimento certo per fronteggiare l’emergenza incendi specie nelle regioni meno organizzate e non attrezzate ad intervenire con celerità ed efficacia in presenza di calamità o impellenze di qualsiasi genere.

Ciò che è accaduto a Venafro deve indurre ogni Autorità ad agire per accertare i fatti, individuare e perseguire eventuali omissioni o responsabilità, attivare e sostenere ogni utile progetto di ripristino dell’ecosistema distrutto, e individuare un diverso assetto del sistema di pronto intervento in caso di emergenza che non lasci soli gli amministratori comunali, la Prefettura locale ed i Vigili del Fuoco in servizio sul territorio”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

Follie Italia Isernia
colacem
maison Du Cafè Venafro Natale

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

Follie Italia Isernia
maison Du Cafè Venafro Natale
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

fabrizio siravo assicurazioni
esco fiat lux
error: