CRONACA – Continuano le truffe agli anziani

eventi tenuta santa cristina venafro
sanificazione disinfezione pulizia venafro isernia
pasta La Molisana
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
Maison Du Café Venafro
faga gioielli venafro isernia cassino
Smaltimenti Sud
ristorante il monsignore venafro

CAMPOBASSO – Truffe ad anziani con consegne di finti pacchi, vittime predestinate all’erta e quindi inganni sventati.

Lo comunica La Polizia di Stato che su alcuni episodi di questo genere ha avviato specifiche e mirate attività d’indagine da parte della Divisione Anticrimine della Questura, che già alcuni mesi addietro ha arrestato un gruppo di soggetti provenienti dalla vicina Campania, dediti a perpetrare questa particolare tipologia di reato.

Spesso i ladri, spiega la Questura, si presentano alla porta di persone anziane con la scusa di dover controllare la posizione pensionistica o contributiva; o ancora per controllare il contatore del gas, della luce ecc. ma in realtà raggirano le persone facendosi consegnare soldi o sottraendo beni o altre cose di valore.

Il truffatore per farsi aprire la porta ed introdursi nelle case può presentarsi in diversi modi. Spesso è una persona distinta, e particolarmente gentile. Si presenta come funzionario delle Poste, di un ente di beneficenza, dell’Inps, o un addetto delle società di erogazione di servizi come luce, acqua, gas, e talvolta anche come un appartenente alle forze dell’ordine, un falso prete o un sedicente missionario.

Occorre ricordare che di solito il controllo domiciliare delle utenze domestiche viene preannunciato con un avviso (apposto al portone di un palazzo o comunicato al portiere) che indica il motivo, il giorno e l’ora della visita del tecnico e nessun ente manda personale a casa per verificare l’eventuale presenza di banconote false, scusa solitamente utilizzata per vedere dove una persona conserva il denaro in casa.

A questo punto, quindi, la Polizia di Stato rammenta di non aprire agli sconosciuti e non farli entrare in casa, soprattutto se le visite avvengono in orari inusuali, specialmente se in quel momento si è soli in casa; se possibile, è opportuno controllare dallo spioncino e aprire la porta col catenaccio attaccato, chiedendo al funzionario un tesserino di riconoscimento.

Le vittime più colpite, come dimostrano le denunce, sono le persone di età compresa tra i 60 e i 90 anni. La fiducia nei funzionari pubblici viene così tradita da chi si presenta così per poi rubare soldi, orologi o altri gioielli. Le raccomandazioni sui comportamenti da assumere dinanzi a tali figure delittuose consistono nell’evitare di custodire valori e contanti in abitazione, mantenere riservate le utenze telefoniche fisse e avvisare tempestivamente le Forze di Polizia quando si è al cospetto di persone estranee che tentano di consegnare pacchi o plichi. Si informa che sono in atto controlli diretti a prevenire e reprimere tali fenomeni delittuosi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
faga gioielli venafro isernia cassino
panettone artigianele natale di caprio
panettone di caprio
venafro farmaciadelcorso glutenfree

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
panettone di caprio
panettone artigianele natale di caprio
venafro farmaciadelcorso glutenfree
faga gioielli venafro isernia cassino

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: