OSPEDALE – Disservizi al Veneziale, lamentele e preoccupazioni

Smaltimenti Sud
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
vaccino salva vita
pasta La Molisana
mama caffè bar venafro

SANITA’ – SS Rosario di Venafro di fatto smantellato o meglio svuotato praticamente di tutto, presente solo la lungodegenza, una sorta di servizio infermieristico, riabilitazione e punto di primo soccorso -ex Pronto Soccorso-, un qualcosa quest’ultimo di assolutamente indefinibile e, se è lecito dirlo, del tutto inutile!

Ergo l’intera area del Venafrano -un bacino di oltre trentamila persone- costretta a ricorrere al Veneziale di Isernia, oggi però intasatissimo ed oberato di tanto e di tutti, al punto tale che più di qualche servizio del nosocomio pentro fa cilecca o presenta pecche, sempre che ci siano consentite anche queste ultime affermazioni senza che nessuno si offenda.

Anche perché è l’esatta realtà, come da testimonianza di un malcapitato venafrano che di seguito riportiamo integralmente.

“Nel tardi pomeriggio di mercoledì scorso -attacca il testimone- una mia familiare è caduta dalla bici nel centro di Venafro, riportando ammaccature, contusioni e conseguenti dolori ossei e muscolari. Immediatamente intervenuti 118 e CC., non essendoci più nulla al SS Rosario di Venafro se ne dispose il trasferimento in autoambulanza al Veneziale di Isernia per i dovuti esami radiografici al fine di accertare eventuali fratture ed intervenire. L’autoambulanza, con tanto di autista, medico e paramedici, arrivò al Pronto Soccorso isernino alle h 20,04 secondo testimonianza degli stessi sanitari pentri, ma sino alle h 22,10, ossia due ore dopo, non fu possibile eseguire alcuna radiografia. Perché mai, vi chiederete? Per il fatto che l’addetto alle radiografie, seppure reperibile, non arrivò in ospedale prima di due ore. Dove stava? Boh! Perché tanto tempo per arrivare? Boh! Al riguardo si tentarono da parte degli stessi operatori del Pronto Soccorso del Veneziale di avanzare varie scusanti di comodo alle domande di chi chiedeva il motivo di tanto ritardo per una radiografia, ma resta la sconsolante e preoccupante constatazione dei grossissimi rischi e pericoli che corriamo noi tutti dell’area venafrana dopo lo smantellamento del SS Rosario. Infatti chiedo: se alla mia familiare fosse partito un embolo, se cioè ci fossero state complicanze tali da richiedere il massimo della tempestività, oggi che staremmo a raccontare?

Tonino Atella

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: