VENAFRO – Gestiva le risorse idriche del Comune, condannata la Neptun

Blackberries Venafro

ACQUA – Ancora una vittoria in Tribunale per il Comune di Venafro contro la Neptun, la società a cui all’inizio degli anni 2000 fu affidata la gestione delle risorse idriche comunali. Lo annuncia il sindaco Antonio Sorbo.

Il Tribunale di Isernia, con sentenza 661 del 19 settembre, ha condannato la Neptun s.r.l. al pagamento in favore dell’Amministrazione di 700.167,00 euro quale somma relativa alla fattura emessa da Molise Acque nel 2007 per la fornitura di acqua all’Ente per il 2006.

La Neptun dovrà pagare anche le spese legali al Comune per un totale di quasi 11 mila euro.

“Si tratta dell’ennesima vittoria del Comune di Venafro -afferma il primo cittadino- che, nel contenzioso con la Neptun, ha fatto segnare durante l’attuale legislatura una netta inversione di tendenza. Infatti in precedenza l’Ente aveva perso le cause contro Neptun sia in primo che in secondo grado essendo anche costretta a pagare parcelle agli avvocati nominati dall’Amministrazione comunale e anche a quelli della controparte per un totale di oltre 200 mila euro. Al danno della soccombenza in giudizio si è poi aggiunta la beffa di dover pagare parcelle salatissime”.

L’Amministrazione Sorbo, su impulso del delegato al contenzioso, avv. Alfredo Ricci, ha deciso, nonostante le sentenze negative dei due primi gradi di giudizio, di impugnare i verdetti in Cassazione affidando l’incarico ad un legale esterno patrocinante presso la Suprema Corte, l’avv.ssa Luciana Pesaturo.

Il legale è riuscito a ribaltare l’esito di due giudizi che erano stati negativi per il Comune.

I due giudizi, decisi in primo grado dal Tribunale di Isernia nel 2009 e dalla Corte d’Appello di Campobasso nel 2013, avevano dato ragione alla Neptun circa il pagamento, preteso dal Comune, delle somme relative alla fornitura di acqua degli anni 2004 e 2005 per un totale di oltre 1 milione e 300 mila euro più spese legali per svariate decine di migliaia di euro.

Ora si aggiunge questa terza sentenza, per ora assunta in primo grado, relativa alla fornitura di acqua dell’anno 2006.

“Una sentenza che deve ritenersi importante -ha riferito in una nota indirizzata ai vertici dell’Amministrazione l’avv.ssa Arianna Vallone- non solo perché il Tribunale ha dato ragione alla domanda del Comune in senso stretto, ma anche perché si è evitato, diversamente dai precedenti, un notevole risparmio per le casse comunali”.

Visto l’esito in Cassazione delle precedenti sentenze è scontato prevedere che, qualora dovesse essere impugnata dalla Neptun, questo pronunciamento favorevole al Comune è destinato ad essere confermato anche nei successivi gradi di giudizio.

“Siamo soddisfatti -dichiarano il sindaco Antonio Sorbo e il vicesindaco Alfredo Ricci-, abbiamo invertito la rotta rispetto al passato. Molti, alla luce delle sentenze negative per il Comune sia in primo che in secondo grado, ci avevano suggerito di lasciar perdere anche perché in caso di ulteriore soccombenza ci sarebbe stato il rischio di vedere ipotizzato il danno erariale. Ma noi, assumendoci tutti i rischi e sempre e soltanto nell’interesse della collettività, abbiamo deciso di andare avanti anche perché non ci sembrava giusto che quella vicenda, che tanti danni ha provocato, finisse con la beffa della condanna del Comune”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Pubblicità »

Blackberries Venafro

Scarica l’App Molise Network »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

Blackberries Venafro
error: Content is protected !!