AREA DI CRISI – Sergio Sorella “Niente di nuovo sotto le foglie d’autunno”

mama caffè bar venafro
Smaltimenti Sud
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
pasta La Molisana

CAMPOBASSO – Area di crisi di Venafro–Campochiaro–Bojano l’impiego di risorse pubbliche, sia nazionali che regionali, per 45,58 milioni di euro, di cui 15 milioni di euro stanziati dal MiSe e  30,58 milioni di euro stanziati dalla Regione Molise secondo Sergio Sorella presidente di Proteo Fare sapere il rischio evidente di questa operazione potrebbe essere quello di una polverizzazione degli interventi che non produrranno effetti significativi per la nostra regione  svanendo un’altra occasione per  tentare di arrestarne il declino sociale, demografico e produttivo.

Dunque il Ministero mette a disposizione 15 milioni per i progetti di riconversione e riqualificazione.

“In verità nell’intesa tra le parti sociali, sottoscritta nel lontano agosto del 2014 – osserva Sergio Sorella – si chiedevano 200 milioni di euro per la rinascita del Molise. Sono passati oltre tre anni e ne avremo, se tutto andrà bene, appena 15 dal MiSe e riguarderanno ben 67 comuni. In un contesto nel quale  gli obiettivi produttivi a carattere innovativo, la formazione del personale, il recupero ambientale, sono passati sottotraccia. Non si possono chiedere genericamente finanziamenti, occorre avere un piano industriale di riconversione del territorio che punti sulle sue potenzialità e sulle sue vocazioni.  Vanno riviste le politiche del lavoro che oggi passano prevalentemente  attraverso il finanziamento degli ammortizzatori sociali;  vanno create le condizioni socio strutturali per consentire alle attività produttive di poter stabilizzarsi nel nostro territorio. Va coinvolta l’università in questo percorso. La Regione Molise deve creare le condizioni  attrattive di capitale nel territorio, deve incentivare e sollecitare investimenti, dotarsi di un sistema amministrativo agile e capace di dare risposte  immediate, deve dotarsi di un moderno sistema di formazione e d’istruzione, un efficiente e razionale sistema sanitario, viario ed infrastrutturale, facilitare l’accesso al credito e dare contributi a chi crea prospettive lavorative di qualità, con un’attenzione particolare ai temi ambientali”

Secondo Sergio Sorella il sistema universitario e  quello dell’istruzione tecnica superiore sono completamente assenti nei progetti che riguardano i finanziamenti per l’area di crisi.

“Eppure avrebbero potuto giocare un ruolo importante per affrontare in maniera adeguata i temi che riguardano la formazione del personale e la riconversione di quanti sono stati espulsi dal sistema produttivo. Come avrebbero potuto dare indicazioni e contributi sulle vocazioni  produttive del nostro territorio e sulle professionalità necessarie, con interventi formativi di merito”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: