CALCIO – Campobasso-San Nicolò con il “rosa” in campo

stampa digitale pubblicità black&barry venafro
Smaltimenti Sud
pasta La Molisana
vaccino salva vita
mama caffè bar venafro

CAMPOBASSO – La sonnecchiosa e pigra Campobasso (intesa come cittadina) sembra stia pian piano accorgendosi del Campobasso calcio. Almeno per quanto riguardo il tessuto sociale e (in parte) economico. Per quello istituzionale probabilmente ci vorrà ancora del tempo (chissà quanto).

E’ questa la chiosa che si potrebbe fare dopo la presentazione fatta giovedì scorso da parte della società del suo primo sponsor molisano, la Ranallo Grandi Eventi Srl, che proprio a partire da questa domenica pubblicizzerà il suo marchio dietro alle magliette rossoblù (si spera che in casa il Lupo giochi con la sua classica divisa).

La notizia di questo sodalizio data ai media dai dirigenti Pavarese e Turi, insieme ai fratelli Ranallo, è importante perché finalmente mostra un segnale di apertura da parte del tessuto commerciale della città verso questa società vista con troppa diffidenza dalla piazza dopo che ha salvato il calcio nel capoluogo e sta dimostrando di aver allestito anche una squadra competitiva.

Un altro segnale importante era già arrivato, questa volta dai tifosi, con la presenza massiccia ad Agnone che per la prima volta ha fatto “scoprire” a società e giocatori rossoblù le potenzialità di questa piazza. Non è un mistero che in più di una occasione sia il ds Pavarese, sia il dg Turi, ed anche il presidente De Lucia, abbiano posto l’accento sul fatto che gli era stata descritta Campobasso come una città pronta ad infiammarsi per il calcio nel caso le cose fossero fatte a dovere.

Ebbene, pur non dovendo sottostimare comunque le presenze finora allo stadio (cmq un migliaio di spettatori di media in serie D non sono affatto male) è normale che forse qualcosina in più questa società si aspetta visti i risultati che stanno arrivando. Da questo punto di vista i dati sono incoraggianti non solo per la trasferta di Agnone ma anche per la prevendita per la partita di domenica con il San Nicolò.

Si segnala per ora, infatti, un piccolo aumento dei biglietti staccati in prevendita presso Do Boop in via XXV Aprile che però deve essere sommato a quelli venduti presso il Bar Centrale per il Corso V. Emanuele. Per il resto, sappiamo benissimo come il campobassano tifoso medio ami decidere all’ultimo minuto di andare a vedersi una partita dal vivo e quindi siamo certi che presso i botteghini dello stadio di C.da SelvaPiana domenica ci sarà una fila più lunga del solito.

Per quanto riguarda gli aspetti tecnico-tattici della partita c’è da segnalare come mister Foglia Manzillo dovrà fare a meno ancora una volta del difensore centrale Del Duca. Per il resto non dovrebbero esserci altre defezioni. In avanti Gurma dovrebbe agire come unico terminale offensivo con “Magic” D’Agostino a supporto.

Per quanto riguarda il San Nicolò bisognerà stare molto attenti ad una squadra che ama giocare a viso aperto esponendosi però anche alle folate degli avversari come dimostrano i suoi numeri con sette reti segnate a fronte però di ben nove subite. Dopo due sconfitte consecutive però è probabile che il San Nicolò venga a Campobasso più coperto secondo i dettami  del mister Luca Campanile che, dopo l’allontanamento di domenica scorsa, è stato squalificato per un turno per “proteste nei confronti dell’arbitro”.

Il tecnico biancazzurro, dunque, non potrà essere in panchina al “Nuovo Romagnoli” di Campobasso. Al suo posto il suo vice, Matteo Maria Falasca. L’arbitro dell’incontro sarà una “lei”: Maria Marotta di Sapri.

GCM

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: