ISERNIA – Vetrine museali da Santa Maria delle Monache a San Pietro Avellana. Izzo: “intervenga d’Apollonio”

Emilio Izzo
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
pasta La Molisana
ristorante il monsignore venafro
sanificazione disinfezione pulizia venafro isernia
Smaltimenti Sud
faga gioielli venafro isernia cassino
Maison Du Café Venafro
eventi tenuta santa cristina venafro

CULTURA – “A Isernia, secondo capoluogo regionale, sede di soprintendenze e musei statali, non si riescono ad aprire le sale del Complesso Monumentale di Santa Maria delle Monache per mancanza di allestimento! Poi, però, vieni a sapere che le vetrine per allestire i due padiglioni sono state date (dopo essere state svuotate della collezione archeologica de “La Quadrella” di Isernia e non solo!) al comune di San Pietro Avellana per aprire un museo civico!”.

Così esordisce Emilio Izzo, contestando la scelta di trasferire le installazioni del museo isernino a San Pietro Avellana per l’allestimento di due padiglioni della nuova struttura inaugurata nei giorni scorsi. La colpa, secondo Izzo, sarebbe dell’attuale politica regionale che mira ad “eliminare” Isernia.

“Permettere che il Museo di Isernia – continua – storico e millenario, monumento nazionale, ex convento benedettino di prestigio, già sede della mostra sui reperti del paleolitico per oltre venti anni, aperto con tutte le sue sale allestite e visitato da migliaia e migliaia di visitatori, passando da Piero e Alberto Angela, Berlinguer, ministri e sottosegretari e dal presidente di tutti, Pertini, chiudesse i battenti per elargire vetrine a musei comunali! Qualcuno dovrà rispondere di tutto questo”.

Tra le sue parole anche la richiesta di un intervento da parte del sindaco pentro Giacomo d’Apollonio, “affinché – spiega – si faccia promotore di una iniziativa di protesta nei confronti della soprintendenza archeologica del Molise, già più volte resasi protagonista di prese di posizione nei confronti della città di Isernia, come dire che l’asse con i vertici politici regionali dovrà produrre benefici sì, ma personali a danno del capoluogo pentro e dei suoi cittadini”.

Ma Izzo non si ferma qui, infatti il sindacalista conclude chiedendo anche un’interrogazione al Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Dario Franceschini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

panettone artigianele natale di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino
venafro farmaciadelcorso glutenfree
colacem
panettone di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
faga gioielli venafro isernia cassino
panettone artigianele natale di caprio
panettone di caprio
venafro farmaciadelcorso glutenfree

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: