MIGRANTI – Sindaci e sen. Di Giacomo dal Prefetto. No all’accoglienza di migranti nella casette di San Giuliano

San Giuliano di Puglia
pasta La Molisana
mama caffè bar venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
vaccino salva vita
Smaltimenti Sud

CAMPOBASSO – Casette di San Giuliano di Puglia, per ora potrebbero rimanere così allo stato in attesa della conclusione della tornata elettorale e quindi spostare ogni decisione sul loro uso, anche ai migranti (250), a marzo o aprile.

E’ quanto hanno chiesto il sen. Ulisse Di Giacomo e alcuni sindaci e consiglieri comunali dell’area del cratere che stamene sono stati al palazzo del Governo dove hanno incontrato il Prefetto Maria Guia Federico.

Il senatore Di Giacomo si è fatto portavoce di due tipi di proposte.

La prima di ordine politico. Il parlamentare isernino, infatti, ha spiegato che fra qualche mese si andrà ad elezioni e quindi la scelta di destinare un’accoglienza poi programmata verso il rimpatrio apparirebbe di precisa volontà politica che potrebbe essere rovesciata da una coalizione subentrante all’attuale governo regionale a questo punto con impegno finanziario vano.

La seconda proposta, anche rispettando quanto riferito dal ministro Minniti al sen. Di Giacomo secondo cui il centro di San Giuliano di Puglia potrebbe rimanere così com’è, con un intervento invece meno impattante suggerisce un ricovero di migranti spalmato sul territorio nella logica e nella programmazione degli Sprar. Ovviamente il Prefetto ha rassicurato che si prodigherà a interloquire da subito con il Ministero degli Interni per riferire si questa ultima decisione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

Follie Italia Isernia
colacem
maison Du Cafè Venafro Natale

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Natale
colacem
Follie Italia Isernia

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

fabrizio siravo assicurazioni
esco fiat lux
error: