REGIONALI – Aida Romagnuolo si propone a Governatore fuori dalla coalizione. E siamo già a 5 candidati presidenti

candidati presidenti
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
Smaltimenti Sud
mama caffè bar venafro
vaccino salva vita
pasta La Molisana

CAMPOBASSO – Aida Romagnuolo “esce” per il momento dal centrodestra e annuncia la sua partecipazione da sola ovviamente con il suo partito, alle Regionali del Molise come candidata al vertice di palazzo Vitale.

E siamo già a 5 candidati Governatori.

1) Ulivo 2.0 di Ruta e Leva. Devono decidere chi buttare nella mischia a meno di ripensamenti o di riposizionamento nel centrosinistra di Frattura e Fanelli cosa molto improbabile o già impossibile.

2) La Federazione civica composta da Creare Futuro, Uniti per la costituzione, Libera Termoli, Molise nostro, Alleanza civica Molise e Coscienza civica. Un minestrone di alleanze di movimenti civici composti da ex amministratori regionali di un recente passato, un gruppo di sindaci soprattutto della fascia matesina e da giovani leve pronte ad entrare in Consiglio. Cercano un candidato governatore che potrebbe essere anche Massimo Romano, un ritorno il suo sulla scena politica molisana dopo un periodo di congedo di 5 anni. O alla fine della loro concertazione interna ed esterna al loro Movimento stabiliranno di confluire in una coalizione più di centrodestra se si definiranno alcune posizioni soprattutto relative all’individuazione del candidato presidente.

3) Il centrosinistra ufficiale,  diciamo così, composto dal Pd e poi… chissa! Guidato dal Governatore uscente Frattura coadiuvato fino a questo momento dai suoi assessori Facciolla Nagni e Veneziale con la grossa incognita Rialzati Molise di Patriciello che sirene attendibili e quindi ben informate danno per il momento collocato in un centrodestra da ristrutturare in tempi brevissimi  o meglio in Forza Italia. Il partito di Berlusconi a cui Patriciello rimane legato cerca un’alleanza forte e un candidato presidente di grande attrattività sociale ed elettorale per le sue doti professionali umane e politiche perché crede che così possa arrivare al successo elettorale.

4) Noi con Salvini che si è smarcata per  ora, come dicevamo sopra, forse per riaffermare che nel centrodestra vuole un ruolo forte e quindi prova a mettersi in gioco soprattutto nella richiesta del candidato Governatore con Aida Romagnuolo.

5) C’è Fratelli d’Italia. Filoteo Di Sandro dopo aver calcato la scena del governo Iorio qualche anno rivestendo con grande dignità il ruolo di assessore cerca spazio e quindi punta con il suo partito ad un Centrodestra di grandi prospettive tentando di avere la carta più alta del mazzo. Se non sarà così si prospettano altri scenari di completa rottura.

6) Rimane l’ex presidente Iorio che non molla. Cerca un centrodestra che forse in questo momento non ha e una ricandidatura su cui dovrà lavorare molto. Ma la politica, si sa, adottando la formula mai dire mai, potrebbe riaprire le porte a soluzioni che oggi nessuno prospetta.

7) Ovviamente c’è Cinque stelle. Dove tutto è delineato. Vanno da soli con il sogno della vittoria finale con Patrizia Manzo o Antonio Federico. Da qui a breve investiti, l’una o l’altro, della candidatura a presidente della Giunta regionale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

esco fiat lux
fabrizio siravo assicurazioni
error: