BASKET – Magnolia riscatto contro il San Raffaele

Smaltimenti Sud
mama caffè bar venafro
pasta La Molisana
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
vaccino salva vita

CAMPOBASSO – La Magnolia finalmente si riscatta sul parquet amico di Vazzieri ed ha la meglio di 20 sul San Raffaele Roma.

Con Dzinic che parte in panca e Di Costanzo nello starting five Campobasso palesa qualche difficoltà offensiva in avvio: i primi sei punti, infatti, sono tutti dalla linea dei liberi con un attacco che non riesce ad essere pienamente fluido. Il primo canestro dal campo è di Alesiani e vale l’8-2 che sembra dare la stura ad una serata rosea. Anche perché il margine è confortante (12-4), ma – novelle Penelopi – le rossoblù disfanno la tela tessuta in precedenza. Roma riesce a scrivere un break di 6-2, che riavvicina le capitoline sino al -4 del 14-10. È il momento delle lunghe con Dzinic e Nodi Queen che vanno a segno. Poi il coast to coast di Dentamaro infiamma il PalaVazzieri prima dell’ultimo minuto di un periodo che si chiude con una palla persa in attacco di Dzinic, l’1/2 di Giorgi dalla linea dei liberi ed il canestro da sotto di Di Gregorio che vale il 20-13, prima della preghiera dall’arco dei tre punti di Giorgi sputata dal ferro.

Nel secondo periodo il San Raffaele Roma resta nei pressi delle rossoblù, che sono particolarmente disattente anche sul controllo dopo la rimessa. La tripla di Di Gregorio scava un nuovo solco (25-17), ma le campobassane finiscono con il perdersi ancora una volta ed agevolare un 5-0 di Roma che vale il -3 (25-22) e col successivo canestro di Giorgi in transizione anche il -1 (25-24). De Pasquale rompe il sortilegio con un tiro morbido dalla media che dà la stura alla realizzazione di Reani e ai successivi due liberi messi a segno da Di Costanzo per l’antisportivo a Gelfusa. Giorgi da tre prova a dare la scossa al San Raffaele, ma sono prima Reani e poi Ciavarella, dalla linea dei liberi, a riallontanare le magnolie.

Il rientro dopo l’intervallo lungo porta Roma ad arrivare a -1. Il canestro di Prosperi vale addirittura il sorpasso capitolino ma De Pasquale ricaccia subito le laziali dietro. Gli errori si susseguono su ambedue i fronti, fino all’avvio dell’ultimo periodo all’insegna del + 6 firmato Ciavarella. Un’altra intesa efficace tra Dzinic e Reani consegna un margine più cospicuo alle rossoblù. Con metà periodo da disputare Campobasso può contare su ben tre possessi di margine ed il suo quintetto più fisico con Dentamaro nello spot di playmaker. Il resto è garbage time: Roma dà fondo alle sue undici rotazioni, Landolfi entra per Di Gregorio (meritata standing ovation per la tarantina) e manda in visibilio il pubblico di Vazzieri con una tripla che vale anche il massimo vantaggio di serata (+21 sull’81-60). Al termine in bell’evidenza ci sono gli abbracci tra tutte le magnolie per un’affermazione che regala alle rossoblù due punti di tutto rilievo.

“All’inizio siamo partiti bene – ha detto coach Sabatelli – poi è subentrata un po’ di paura e siamo andati anche sotto. Ma abbiamo reagito bene e nel quarto periodo le ragazze sono venute fuori al meglio. Da questi ultimi dieci minuti dobbiamo ripartire perché in un simile frangente c’è la dimostrazione più evidente che questa squadra può giocarsela contro tutti”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

Follie Italia Isernia
colacem
maison Du Cafè Venafro Natale

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Natale
Follie Italia Isernia
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

esco fiat lux
fabrizio siravo assicurazioni
error: