MINORI – Cimino, “Attenzione ai principi di continenza equilibrio rispetto e pertinenza”

enzo cimino
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
ristorante il monsignore venafro
eventi tenuta santa cristina venafro
pasta La Molisana
Smaltimenti Sud

CAMPOBASSO – Riportiamo il commento del consigliere nazionale dell’Ordine dei giornalisti Enzo Cimino condividendo l’impianto e il senso del suo giudizio su alcuni fatti di cronaca che hanno visto coinvolto suicidi, soprattutto di minori, episodi riportati in stampa, fatti che da queste colonne terremo, però,  sempre lontani trascurando consapevolmente quale rilevanza (?) o interesse popolare (?) possano assumere. Il nostro prodotto editoriale rispetta sempre prima di tutto il dolore la riservatezza e la disperazione che queste tragedie contengono e che ricadono a seguire su situazioni altrettanto drammatiche che coinvolgono i familiari e la società tutta. La corsa alla notizia o riferire quest’ultima, in taluni casi , per noi, è il peggio che si possa fare.

                                          Aldo Ciaramella

Questa la lettera di Enzo Cimino

“I recenti avvenimenti molisani, legati a tentativi di suicidio purtroppo riusciti, mi inducono a chiedere ai colleghi dell’Ordine regionale dei Giornalisti, l’istituzione di un corso formativo a riguardo. E’ vero: decidere, scegliere, valutare se pubblicare o meno, diffondere e rendere nota la notizia di un suicidio, resta una decisione con la quale spesso i giornalisti devono fare i conti, ma alla fine a prevalere è sempre il parere del direttore. Quest’ultimo, in solido con l’editore, è responsabile civilmente del prodotto editoriale, che giova ribadirlo, unisce la funzione informativa e quella economica. Per questo motivo, lungi da me ritenere che i giornalisti molisani abbiano puntato ad ottenere click, audience e tentare di vendere copie con i suicidi, ma quanti la pensano come me? Che esempi diamo ai ragazzi, alle scuole, alle famiglie, che esempio diamo ai colleghi giornalisti che hanno rispettato la deontologia? In moltissimi casi il suicidio è un gesto estremo destinato a restare senza spiegazioni, oppure talmente intimo da risultare privo di rilevanza pubblica: in entrambe le fattispecie, gradirei che i giornalisti facessero un passo indietro. Non si tratta di una omissione, ma di rispetto legato alla sofferenza di chi pone in essere questo gesto e per la famiglia del defunto che lo subisce. Qualora prevalga la scelta di pubblicarla, quella che da semplice consigliere dell’Ordine definisco una non notizia, è indiscutibile che scatti l’obbligo deontologico sui princìpi di continenza, di equilibrio, di rispetto, di pertinenza, di non spettacolarizzazione che sempre devono accompagnare l’attività giornalistica. Tali norme si amplificano allorquando trattiamo di un minore e ancora di più quando questo minore e la sua sfera familiare, non diano prova di essere personaggi pubblici rilevanti. Purtroppo, nelle ultime ore, questa prerogativa professionale è stata tradita laddove sono state pubblicate foto, età, scuola di provenienza, lavoro della famiglia, probabili motivazioni del gesto, nome, passioni… Bastava fare un collage tra diverse testate e si poteva ricostruire un po’ tutto: col beneficio d’inventario e senza contraddittorio”.

E conclude

” L’Ordine Nazionale dei Giornalisti ha spesso richiamato tutti i colleghi ad una valutazione preventiva più attenta delle notizie e ha invitato sovente le testate a riesaminare quanto pubblicato, quanto si voleva pubblicare, quanto si pubblicherà in un caso analogo in futuro. L’emulazione e la simulazione sono dietro l’angolo e studi ne hanno confermato l’aumento. A malincuore ritengo che parte della stampa molisana debba riflettere su come si sia agito, meditando sul pessimo esempio dimostrato nel caso in ispecie.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

Maison Du Café Venafro
Gabetti agenzia Venafro
patronato cisal venafro cat sindacato
faga gioielli venafro isernia cassino
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

Maison Du Café Venafro
faga gioielli venafro isernia cassino
colacem
Gabetti agenzia Venafro
patronato cisal venafro cat sindacato

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

Aziende in Molise »

  • Maxi affari

    MAXI AFFARI

    by on
    Maxi affari srls SS85 Venafrana, 25+600 86077 Loc. Trivento Pozzilli (IS) © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • Bar il Centrale Venafro

    BAR IL CENTRALE

    by on
    Bar il Centrale Corso Campano, 34 – 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 904280 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • power car officina meccanica venafro

    POWER CAR

    by on
    Power Car srls SS 85 Venafrana, 10 – 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 900951 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • ASSIKURA ASSICURAZIONI

    by on
    Assikura assicurazioni di Siravo Fabrizio Via Alessandro Volta n. 4, 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 250669 Cell. 335 1550250 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • Forte Carni E Salumi La Porchetta

    FORTE CARNI E SALUMI LA PORCHETTA

    by on
    “Forte” Carni E Salumi La Porchetta Via Atinense, 86077 Pozzilli (IS) Telefono 371 3358072 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • La Taverna di Camillo

    LA TAVERNA DI CAMILLO

    by on
    La Taverna di Camillo Via Maria Pia di Savoia, 125 – 86079 Venafro (IS) Telefono 342 1267431 © RIPRODUZIONE RISERVATA
  • DIMENSIONE SPORT

    by on
    Dimensione Sport Corso Campano, 173 – 86079 Venafro (IS) Telefono 0865 902217   © RIPRODUZIONE RISERVATA
error: