CALCIO – Con il “Condor” per la riscossa a Jesi

Pietro-Balistreri
Smaltimenti Sud
vaccino salva vita
mama caffè bar venafro
pasta La Molisana
stampa digitale pubblicità black&barry venafro

CAMPOBASSO – Il ritorno sulla panchina di Foglia Manzillo, la prima per il “Condor” Balistreri, la curiosità per gli ultimi nuovi acquisti Benvenga e Amabile, l’addio clamoroso e per certi versi inaspettato di D’Agostino.

Sono tantissimi i temi che rendono l’ultima partita del 2017 contro la Jesina davvero interessante nonostante il Campobasso di questi tempi sembra non accendere più gli animi dei tifosi rossoblù come era successo ad inizio stagione quando tra proclami e risultati (soprattutto) si sognava una stagione da protagonisti.

Per ora sono rimasti solo i proclami e l’andirivieni di giocatori che, come aveva anticipato il copresidente Leone in una famosa conferenza stampa post Matelica, ha portato ad una vera e propria rivoluzione tecnica che ha coinvolto (questo non era previsto) anche il mister Masecchia, esonerato dopo appena cinque partite (nelle quali aveva totalizzato la miseria di due punti e soprattutto aveva mostrato di non riuscire ad avere in meno il polso della squadra, anche se non solo per sue colpe).

Ma andiamo con ordine.

Durante questa settimana si è assistito ad altri importanti colpi di scena. Il primo, come anticipato, è stato l’esonero di Masecchia ed il clamoroso ritorno di Foglia Manzillo che era stato allontanato all’epoca non certo per i risultati ma per una certa vicinanza con i dirigenti appena dimessi ed un gioco che non piaceva alla proprietà.

Dopo più di un mese Foglia Manzillo è stato richiamato praticamente a furor di popolo con buona pace delle beghe societarie e del calcio spettacolare. L’allenatore campano è stato sempre ben visto dal pubblico e dallo zoccolo duro della squadra; inoltre se ne era andato da signore non profferendo alcuna parola contro la proprietà. Tutte questi elementi (oltre al fatto economico di dover ingaggiare un terzo eventuale allenatore) hanno portato al suo ritorno.

Successivamente è stata la volta di un altro inaspettato e ben accolto ritorno: quello di Pietro Balistreri, il “Condor” (come fu ribattezzato qui a Campobasso). Balistreri non ha bisogno di presentazioni (anche se nelle ultime stagioni non ha segnato molto) e nel capoluogo molisano ha lasciato un ricordo bellissimo fatto di reti (tante), prestazioni (ottime) e attaccamento alla maglia. Quello che quindi originariamente mancava al Campobasso del primo Foglia Manzillo (un attaccante) sembra oggi esserci visto che oltre a Balisteri è arrivato anche Evacuo.

Insieme a Balistreri sono stati presentati in settimana anche il difensore Benvenga e il centrocampista Amabile. Soprattutto il primo è un altro giocatore di categoria superiore e quindi un ottimo rinforzo per il pacchetto arretrato. Gli “ otto/nove giocatori” che annunciò Leone sono quindi effettivamente giunti a Campobasso in questa finestra del mercato di dicembre.

La vera e propria “bomba” però è stata la cessione (o meglio, lo svincolo) di D’Agostino. Il giocatore di maggior talento della rosa (e probabilmente anche di tutto il girone), quello che aveva tenuto i lupi nelle zone altissime della classifica nella prima parte di campionato con gol da favola su punizione o rigori decisivi, il “perno” su cui si teneva tutto il Campobasso del primo Foglia Manzillo, la figura che più di tutte aveva attirato l’interesse dei tifosi rossoblù, ha lasciato per insanabili contrasti con la proprietà. Leone nella conferenza stampa di giovedì ha dichiarato che la scelta è stata della società per un “gioco al rialzo” (parole del copresidente) del calciatore che non ha rilasciato dichiarazioni in merito.

La “rivoluzione” quindi ora è davvero compiuta. Un peccato che un elemento del genere di tale qualità e “appeal”  verso i tifosi non possa far più parte del Campobasso. La speranza è che questo “coupe de theatre” possa essere davvero l’ultimo e che i lupi possano trovare un po’ di tranquillità e stabilità per ritornare a fare punti in campo e accaparrarsi di nuovo le simpatie e la fiducia della tifoseria.

G.C.M

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

fabrizio siravo assicurazioni
esco flat lux
error: