BASKET – Magnolia, sfiorati i due punti contro La Spezia

Smaltimenti Sud
faga gioielli venafro isernia cassino
pasta La Molisana
sanificazione disinfezione pulizia venafro isernia
Maison Du Café Venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
eventi tenuta santa cristina venafro
ristorante il monsignore venafro

CAMPOBASSO – Sconfitta per le ragazze della Magnolia in trasferta a La Spezia, la partita termina a soli 69 a 63.

Una prova di gran lunga differente rispetto a quelle che erano state le prime trasferte delle rossoblù: concretezza e tenacia avevano portato anche a ribaltare il confronto nell’ultimo periodo. Poi, però, un cocente passaggio a vuoto in attacco (nessun punto negli ultimi quattro minuti effettivi) ed il break spezzino di 13-0 hanno finito col ricacciare indietro le speranze dei #fioridacciaio. Così, al suono della sirena, la Magnolia finisce con l’arrivare ad un passo dal terzo successo consecutivo, dopo gli exploit interni arrivati nel recupero contro il San Raffaele Roma e nel match della dodicesima giornata contro la corazzata San Giovanni Valdarno. Le campobassane cedono di sei contro la Cestistica Spezzina in una gara in cui le rossoblù erano andate vicino ad un epilogo da applausi, restando però con un piccolo disappunto per quello che è stato il colore del referto riportato in Molise (giallo al posto dell’agognato rosa).

In Liguria il confronto tra il quintetto ospitante e il team di coach Sabatelli è gara ad alta tensione con l’andamento del punteggio che finisce per risentirne. Ai tentativi di strappo delle spezzine corrispondono i break di ‘rientro’ delle rossoblù. Che – pur trovandosi con uno scarto di due possessi all’intervallo lungo – riescono tra terzo e quarto periodo a risalire pienamente la china intorno al lavoro di Ciavarella (top scorer di serata a quota 21 punti con con uno strabiliante 27 di valutazione!) e delle interne Reani (12 punti con cinque assist) e Dzinic (14 punti). L’inerzia è stravolta con le rossoblù che conquistano il massimo vantaggio sul +7 del 56-63

Nel miglior momento delle molisane le triple di Gomes Da Silva e Cadoni mandano letteralmente in frantumi il piano ordito dai #fioridacciaio che perdono smalto in attacco e si smarriscono anche in difesa, rimediando il passivo di sei, figlio anche dell’antisportivo sanzionato a Dzinic sul finale.

Dettagli ben presenti nella disamina a referto chiuso dell’assistant coach delle campobassane Rosario Filipponio. “La Spezia è una formazione di grande sostanza che, su questo campo, sta costruendo buona parte delle sue fortune. La nostra prestazione è stata senz’altro più concreta rispetto a quelle che sono state le prime gare lontano dal Molise della stagione, che avevano palesato l’ipotesi di un ‘mal da trasferta’. Ed è su queste basi che dobbiamo proseguire con forza”.

La prospettiva, per le campobassane, è ora quella di un’altra avversaria ligure nell’ultimo impegno dell’anno solare 2017. Venerdì sera – con palla a due alle ore 20 – per la terzultima d’andata ci sarà il confronto con il Savona sul parquet di casa del PalaVazzieri.

La settimana prenatalizia delle rossoblù sarà però all’insegna anche di appuntamenti a più ampio respiro. Il pomeriggio di domenica 17 sarà il momento della festa di Natale del team nel Palasport di casa con l’esibizione dei DaMove. Nella mattinata di lunedì 18, poi, il roster rossoblù sarà ospite al teatro ‘Savoia’ della prima sessione della ‘Giornata dello sport’ organizzata dalla Regione Molise nell’ambito dell’evento intitolato ‘la scuola incontra i campioni’.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

panettone artigianele natale di caprio
colacem
venafro farmaciadelcorso glutenfree
faga gioielli venafro isernia cassino
panettone di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

panettone di caprio
venafro farmaciadelcorso glutenfree
panettone artigianele natale di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: