REGIONALI – Ruta e Leva protestano per lo spostamento della data delle elezioni al 22 aprile. Risponde Frattura

vaccino salva vita
pasta La Molisana
mama caffè bar venafro
Smaltimenti Sud
stampa digitale pubblicità black&barry venafro

CAMPOBASSO –  Ruta Leva e Frattura, non c’è accordo neppure sulla data delle elezioni.

In una lettera inviata al presidente Frattura i due parlamentari contestano l’indizione probabile delle elezioni del Consiglio regionale il 22 aprile e non il 4 marzo, data programmata per le Politiche e per le Regionali di Lazio e Lombardia.

“Ora, appare del tutto evidente – scrivono l’on. Leva e il sen. Ruta –  come tale sua autonoma decisione comporterebbe un notevole e significativo aggravio di spesa, pari ad alcuni milioni di euro, ingiustificato ed incomprensibile.

Pertanto, la invitiamo ad evitare una scelta così, manifestamente incongrua ed inaccettabile, consentendo ai molisani di votare il rinnovo del Consiglio regionale il 4 marzo in concomitanza con le elezioni politiche, onde garantire un notevole risparmio di denaro ai cittadini contribuenti.

Di tale circostanza abbiamo ritenuto doveroso sollecitare l’attenzione del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, del Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni e del Ministro dell’Interno Marco Minniti”.

A seguire la risposta del presidente della Giunta regionale Paolo Di Laura Frattura.

“Cari Roberto e Danilo, l’indiscrezione che tanto vi allarma è stata riportata come una possibilità dagli organi di stampa locali che hanno approfondito i vari aspetti tecnici legati alla prima applicazione della legge elettorale di cui il Molise finalmente si è dotato.

Ho spiegato i termini della questione durante la conferenza stampa di fine anno, lo scorso 30 dicembre, con dichiarazioni che peraltro sono facilmente reperibili in rete e che qui riporto in sintesi:

«La legge elettorale va prima di tutto valutata dal Governo e poi informatizzata dal Ministero dell’interno. Stiamo verificando con il Viminale la possibilità di indire le nostre elezioni in coincidenza con il voto nazionale del 4 marzo; salvo questioni procedurali e tecniche relative alla prima applicazione della nuova norma».

Questo ho detto e questo ribadisco. Mi dispiace che abbiate dovuto disturbare il presidente della Repubblica Mattarella, il presidente del Consiglio Gentiloni e il ministro dell’Interno Minniti per un chiarimento che avrei potuto fornirvi con una semplice telefonata, magari in occasione dello scambio degli auguri per il nuovo anno”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: