EVENTO – Sant’Antonio Abate, il rito del fuoco e la benedizione degli animali a Campobasso

mama caffè bar venafro
Smaltimenti Sud
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
vaccino salva vita
pasta La Molisana

CAMPOBASSO – Sant’Antonio Abate, l’antica festa del centro storico di Campobasso apre ufficialmente la festa del Carnevale.

Alle 8.30 alla celebrazione eucaristica della mattina, fa seguito la benedizione del pane. Solo un’ora più tardi il fuoco in onore del Santo viene acceso e benedetto e dopo la messa delle 11, alle 12 si tiene la tradizionale benedizione degli animali. Proprio quest’ultima è particolarmente suggestiva per la presenza di cavalli, conigli, maiali, cani, gatti e galline che insieme ai loro padroni attendono la fatidica benedizione.

Nel pomeriggio, alle 17, è poi il momento della processione lungo le strade del quartiere, segue la celebrazione eucaristica presieduta dall’arcivescovo di Campobasso-Bojano Giancarlo Bregantini.
Infine, alle 20 il momento dell’atteso spettacolo musicale ‘Ulesse areturnà a Sant’Antuon’, le canzoni campobassane e le maitunate di Nicola Mastropaolo con Antonio Mandato e la partecipazione di Riccardo Izzo, Alessandro Serino e Giuliano Civetta.
Per consentire i festeggiamenti, da Palazzo San Giorgio è stata emanata l’ordinanza di chiusura al traffico che, per tutta la giornata del 17 gennaio, interesserà via Pisa. Mentre dalle 17 del medesimo giorno e fino al termine della processione la circolazione delle auto sarà sospesa in: Piazza Venezia, via Sant’Antonio Abate (da Piazza Venezia a Scuola Notte), contrada Fontanavecchia (tratto compreso tra le due rotatorie), via Monforte (da Piazza Venezia a via Pisa).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

fabrizio siravo assicurazioni
error: