TRASPORTI – Legambiente “Carente quello su ferro non si riesce a garantire lo spostamento di merci e animali”

faga gioielli venafro isernia cassino
sanificazione disinfezione pulizia venafro isernia
pasta La Molisana
Smaltimenti Sud
eventi tenuta santa cristina venafro
Maison Du Café Venafro
ristorante il monsignore venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro

CAMPOBASSO – Mobilità su ferro, nel 2017 è cresciuto di poco il numero di coloro che hanno preso il treno.

Boom invece dell’alta velocità alti e bassi per il trasporto regionale. Solo in alcune Regioni è cresciuto il numero di passeggeri mentre ancora pesanti sono gli effetti dei tagli (-6,5% dei treni regionali e -15,5% di Intercity). Questi alcuni dei dati Pendolaria presentati dal Legambiente che rileva ancora come al  sud circolino meno treni che in Lombardia, sempre più lenti e vecchi ( età media 19,2 anni contro i 13,3 del Nord). Eppure dove si investe, cresce la voglia di spostarsi in treno. 38 storie di successo individuate nel Rapporto. E la cura del ferro di Delrio inizia a dare i suoi frutti. Legambiente: “La sfida fondamentale del trasporto in Italia è quella di far crescere le persone che si spostano in treno nelle città e al Sud anche per contrastare lo smog, avere città più vivibili e sostenibili e per far risparmiare le famiglie italiane. La prossima legislatura deve segnare un cambiamento: basta risorse alle autostrade e priorità a aumentare il numero di treni in circolazione e le metropolitane nelle città”

Il trasporto su rotaia in Molise
Campobasso non ha più collegamenti ferroviari con il mare perché è stata messa fuori esercizio la linea per Termoli. Alla base della chiusura della tratta, oltre alla realizzazione della metropolitana leggera che collegherà Matrice a Boiano, c’è un’evidente opera di abbandono operata in questi anni. Tra le problematiche che maggiormente hanno inciso c’è sicuramente la concorrenza con il trasporto su gomma che non solo non riesce a coprire la domanda, ma è andato a penalizzare il trasporto ferroviario poiché le fasce orarie delle due tipologie di trasporto in molti casi coincidono. I cittadini delle aree interne attraversate da questa tratta ferroviaria si trovano a subire disagi acuiti ancor di più dai tagli alle corse operati in questi anni (sia treni che pullman) e dagli aumenti tariffari (+9 % negli ultimi sette anni). “Il treno potrebbe essere un mezzo per permettere gli spostamenti interni alla regione, non solamente uno strumento per raggiungere il mare, ma è stato sostituito – afferma Andrea De Marco, Direttore di Legambiente Molise- da un servizio sostitutivo che garantisce esclusivamente la copertura della tratta rispettando le fermate. Nient’altro.
Non riesce ad assicurare servizi importanti come il trasporto del proprio animale d’affezione, il trasporto di bici o la salita e discesa dei disabili su carrozzina, compresa la possibilità di usufruire dei bagni (non tutti i pullman ne sono provvisti) per tragitti che, in questo caso specifico, coprono quasi le due ore di viaggio. Per i cittadini non è garantito il diritto alla mobilità e agli spostamenti. Altro disservizio – continua De Marco – si ha a causa dell’impossibilità di acquistare il biglietto a bordo dell’autobus, cosa che era possibile invece a bordo del treno. In molte delle stazioni presenti sulla tratta non ci sono le biglietterie”. Il 73,9% dei 23 treni presenti in Molise ha più di 15 anni e un’età media rotabile di 18,1 anni. Dato che la rende la flotta Trenitalia in Molise tra le più vecchie d’Italia. I pendolari molisani sono calati dell’11% negli ultimi 6 anni. La situazione della tratta Campobasso – Roma non è certamente migliore anche grazie al fatto che negli ultimi anni si è assistito ad un graduale peggioramento del servizio e delle corse a disposizione dei pendolari.
La linea è frequentata da molti pendolari, ma sono 7 le coppie giornaliere di treni diretti (per oltre 3 ore e 10 minuti di viaggio), mentre nel 2010 se ne contavano 10, con una diminuzione del 42,8%. I 75 km a binario unico non elettrificato sono la principale ragione della lentezza e inadeguatezza del servizio (53 minuti nella tratta tra Campobasso ed Isernia con una velocità media di nemmeno 55 km/h).
“Auspichiamo – aggiunge De Marco – che il tema del trasporto su rotaia sia affrontato seriamente dal prossimo governo regionale e non cavalcato solamente durante la campagna elettorale, con l’obiettivo primario di ridurre il flusso di traffico su gomma sulle principali arterie stradali della regione e permettere ai pendolari spostamenti più rapidi e sicuri”. Va inoltre sottolineato come nella stazione di Campobasso la biglietteria preveda due sportelli ma in realtà ne funziona sempre uno solo ed i turni (6-13.30 e 13.30-20.30) non sempre vengono rispettati, per carenza di personale.   Lo scorso Agosto 2017 ha visto finalmente la firma del protocollo d’intesa tra la Regione Molise ed RFI per l’elettrificazione e velocizzazione delle linee molisane. La prima fase degli interventi, oggetto del protocollo, prevede la progettazione dell’elettrificazione della tratta Roccaravindola-Isernia-Campobasso e la realizzazione degli interventi tra Roccaravindola e Isernia, per circa 18 km. Inoltre sulla tratta Roccaravindola-Isernia-Bojano, circa 45 km, saranno eseguiti interventi per l’aumento della velocità: modifiche ai binari, realizzazione di sottopassi e sovrappassi, adeguamenti tecnologici, marciapiedi e pensiline.  
Politiche dei trasporti
Dal punto di vista delle politiche intraprese negli ultimi anni, c’è da sottolineare che i cambiamenti portati dal Ministro Delrio stanno dando i loro frutti, con risorse per il rinnovo del materiale rotabile ferroviario e su gomma nelle città, in un piano metropolitane che permetterà di aprire cantieri in diverse aree urbane, con il ripristino delle detrazioni fiscali per gli abbonamenti al trasporto pubblico locale e ferroviario, e altri interventi per le ferrovie merci e la sicurezza sulla rete. Da segnalare positivamente c’è anche che finalmente stanno entrano in esercizio nuovi treni, grazie agli investimenti del Governo, di alcune Regioni e di Trenitalia che ha messo in campo l’acquisto di 500 treni regionali.
 
Finanziamenti statali per le infrastrutture
Restano la nota dolente. Da quanto emerge da Pendolaria, dal 2002 ad oggi i finanziamenti statali hanno premiato per il 60% gli investimenti in strade e autostrade e solo per il 13% le reti metropolitane. Anche le Regioni continuano a scegliere strade e autostrade come priorità degli investimenti. Ad esempio la Regione Emilia-Romagna sta investendo 179 milioni di Euro di risorse pubbliche per la realizzazione di un’autostrada regionale come la Cispadana. Imponenti i progetti delle autostrade lombarde: quasi 3 miliardi di euro pubblici sono previsti tra Pedemontana Lombarda, Autostrada Regionale Cremona-Mantova, Autostrada regionale Broni-Mortara, Collegamento Boffalora-Malpensa, parte della Tirreno-Brennero ed Autostrada della Val Trompia. Poche le eccezioni come le Province Autonome di Trento e Bolzano, il Piemonte e la Toscana. S e facciamo un bilancio di quanto realizzato in questa legislatura – che nel caso delle infrastrutture è ovviamente frutto di scelte che risalgono alle legislature precedenti – si evidenzia come a prevalere sia ancora le infrastrutture stradali:  217 km di autostrade (tra cui ricordiamo la Bre.Be.Mi., il Quadrilatero nelle Marche ed Umbria, parte della Asti-Cuneo), a cui si aggiungono altri 1.825 km di strade nazionali e 2.080 km di rete stradale provinciale e regionale, a fronte di 58,6 chilometri di metropolitane (12,9 km a Milano, 13,7 a Brescia, 1,6 a Genova, 23,4 a Roma, 7 a Catania, con una media di 11,8 l’anno) e 34,5 km di tram (17 km a Palermo, 12,5 a Venezia, 6 a Cagliari).
Proposte Legambiente
 
Per rilanciare il servizio ferroviario regionale, Legambiente lancia le sue cinque proposte: 1) occorre continuare la cura Delrio con un ruolo più incisivo del Ministero delle infrastrutture e trasporti che deve diventareil regista di una nuova politica dei trasporti in Italia che coinvolga Regioni, Comuni, concessionari e imprese. Il Ministero inoltre deve anche un ruolo di indirizzo e controllo. 2) Più treni sulle linee ferroviarie facendo diventare il servizio ferroviario sempre più competitivo. Per far ciò occorre potenziare nelle città l’offerta lungo le direttrici nazionali e urbane più importanti, dove è più forte la domanda pendolare e nelle aree del Paese, come al Sud, dove è del tutto inadeguata. 3) Dare priorità agli investimenti infrastrutturali nelle città perché è nei grandi centri urbani che si gioca la sfida fondamentale della mobilità italiana, cercando di superare il gap che le separa dalle sorelle europee. 4) Una politica per riportare i treni al sud, attraverso interventi che permettano di ridurre i tempi di percorrenza e nuovi treni 5) Indirizzare le risorse che ci sono per rilanciare gli investimenti infrastrutturali. Nel bilancio dello Stato esistono infatti le ricorse per un salto di qualità nel servizio ferroviario, perché ogni anno diversi miliardi di Euro vengono destinati ai sussidi all’autotrasporto, dalle tariffe autostradali che continuano a crescere senza controlli per la gestione di opere pubbliche, e da recuperare da investimenti sbagliati in grandi opere e cantieri autostradali e dal bilancio delle Regioni che devono scegliere di rilanciare il trasporto su ferro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

panettone di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino
panettone artigianele natale di caprio
colacem
venafro farmaciadelcorso glutenfree

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

faga gioielli venafro isernia cassino
colacem
venafro farmaciadelcorso glutenfree
panettone di caprio
panettone artigianele natale di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: