CRONACA – Disperso in Russia dal 1942, la storia infinita del soldato Giovanni Picciano

ristorante il monsignore venafro
sanificazione disinfezione pulizia venafro isernia
Smaltimenti Sud
faga gioielli venafro isernia cassino
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
eventi tenuta santa cristina venafro
Maison Du Café Venafro
pasta La Molisana

BUSSO – Si chiama Giovanni Picciano il soldato molisano che nel 1942 si recò al fronte russo, ancora oggi il militare risulta disperso e la famiglia è alla ricerca delle sue spoglie.

Una condizione che da 76 affligge molte famiglie italiane, quella di non sapere dove giace il corpo di uno dei propri cari partiti per il fronte russo nel 1942. Un  interrogativo straziante che si rafforza di più con il passare degli anni, dei decenni e che sembra non riuscire a trovare una risposta.

Tra queste famiglie disperate c’è quella di Giovanni Picciano, nato a Busso il 12 maggio 1916 e partito per la II Guerra Mondiale. Fu aggregato all’82° Reggimento Fanteria della Torino, 2° Battaglione, 8° Compagnia, Posta Militare n.ro152. Di ciò che accadde tra il 16 e il 17 dicembre in Russia si è detto molto e si è scoperto molto ma i destini di coloro che risultano ancora dispersi come quello del signor Giovanni Picciano ancora oggi non sono stati decifrati. Quello che si sa di certo è che il 16 dicembre il signor Giovanni rispose all’appello, mentre il 17 dicembre di lui non si ebbe più notizia o traccia di sorta.

Tra il 16 e il 17 dicembre si sa di preciso anche che l’82° Reggimento Fanteria della Torino fu schierato a sud-est di Satubjasesky ad Ossaskoje a quota 131,1 e fu attaccato in maniera massiccia dai russi. Tra i documenti ufficiali sui quali la nipote del signor Picciano sta lavorando ormai da più di tre anni, subito dopo la morte del padre, fratello del signor Giovanni, e della zia, moglie del signor Giovanni, c’è un verbale di irreperibilità, compilato il 7 novembre del 1943 a cura del Ministero della Difesa, e la comunicazione di avviamento di istruttoria per il riconoscimento della Croce al Merito di Guerra compilata il 27 novembre del 1977 a cura del Distretto Militare di Campobasso.

Grazie a Facebook e ai mezzi più moderni di comunicazione la famiglia Picciano è riuscita a contattare alcuni studiosi russi che potrebbero quantomeno rivelare i luoghi di sepoltura di alcune fosse comuni di soldati italiani scavate proprio sul fronte di guerra dove è stato impegnato il signor Giovanni. Una rilevazione che potrebbe portare la famiglia Picciano ad effettuare un viaggio in Russia nel giro di poco tempo. Per il resto, però, niente più.

Gli appelli e le richieste di aiuto inviate a tutt’oggi non sono state evase, anche perché la famiglia Picciano non è riuscita a trovare nessun commilitone del signor Giovanni o famiglia di commilitoni che possano dare maggiori informazioni sulla sorte occorsa al loro congiunto.

Da queste difficoltà, da questa eccessiva complessità nel trovare notizie utili, è scaturita la necessità di lanciare un appello a tutti i molisani affinché chi possa avere informazioni utili, siano essi cittadini privati o Istituzioni, sul caso in questione possa contattare la famiglia Picciano per porre la parola fine ad una ricerca infinita.

Chi fosse in grado di dare informazioni o dettagli utili sulla vicenda può scrivere una mail a venditti.stefano@hotmail.it per fissare un appuntamento.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
panettone artigianele natale di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino
panettone di caprio
venafro farmaciadelcorso glutenfree

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

panettone artigianele natale di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino
panettone di caprio
venafro farmaciadelcorso glutenfree
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: