ELEZIONI – A Sinistra, ma quale Sinistra?

sinistra italiana
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
DR 5.0 Promozione
Smaltimenti Sud
pasta La Molisana
DR F35 Promozione
eventi tenuta santa cristina venafro
Maison Du Café Venafro
ristorante il monsignore venafro

CAMPOBASSO – Perché a sinistra e quale sinistra?

Un interrogativo serio e preoccupante se si guarda quanto succede nel mondo nella sfera economica e politica dove a comandare sono i potenti della finanza che si arricchiscono sempre di più impoverendo il 99 per cento della popolazione del globo e si considerano quali scenari politici consolidano il proprio status in Europa e negli altri continenti.

E’ in un contesto simile, come dice il consigliere regionale Michele Petraroia  che andrebbero collocate le elezioni politiche italiane del 4 marzo per capire se c’è o meno ancora spazio per un progetto di società in cui ogni persona è libera di vivere in autonomia, di non dipendere da altri, di accedere ai propri diritti essenziali e di scegliere da che parte stare senza essere condizionata da terzi o da obblighi, necessità o impellenze. Collocarsi a sinistra in Italia non ha senso se non si ricostruisce una sinistra nel Mondo. Questa è la sfida del 4 marzo che si proietta su un orizzonte di indispensabile utopia non dissimile da chi nella storia non si è mai riconosciuto nella legge della giungla ed ha provato ad organizzare un modello sociale con la persona al centro di ogni attenzione. Questa è la sinistra che serve e che bisogna ricostruire ovunque perché non c’è più.

“Le stime sulla distribuzione della ricchezza mondiale  – osserva Petraroia – pubblicate da centri studi internazionali in parallelo con l’avvio del vertice di DAVOS, confermano che l’1% delle persone detiene il controllo sostanziale del Mondo, si scrive le regole a cui attenersi, dispone del futuro dell’umanità, nomina e revoca i Governi, definisce i trattati bancari e commerciali, tutela i propri patrimoni tramite i paradisi fiscali, e ritiene superato il ruolo di intermediazione del consenso svolto dalla democrazia attraverso istituzioni elettive, partiti, organismi intergovernativi, associazioni, leggi nazionali, regolamentazioni o organi giudiziari. In pratica il pilastro della crescita economica ininterrotta su cui regge il capitalismo conferma anche nel 2017 che in realtà il surplus di ricchezza creata finisce quasi esclusivamente nelle tasche dell’1% degli ultraricchi impoverendo il restante 99%. Quindi non solo l’economia genera mostruosità attraverso ricchezza accumulata fabbricando armi, distruggendo il pianeta e negando diritti umani a miliardi di persone, ma il ricavato non determina una redistribuzione di opportunità, di beni essenziali, di libertà e di progresso sociale”.

La necessità mondiale è quella di mettere l’uomo al centro di ogni programma

“Se questo è il tema di fondo con cui il XXI° secolo deve fare i con l’uomo con i suoi diritti e i suoi bisogniti, – continua Petraroia – come ci si può illudere di affrontarlo senza approntare un progetto radicalmente alternativo che sia in grado di ricollocare al centro di ogni strategia, l’uomo coi suoi bisogni ed i propri diritti universali ? Nel Mondo cresce la risposta eversiva con derive autoritarie in cui i ceti popolari affidano ad un uomo forte la funzione di tenere a bada i potentati economici, ma in realtà come è accaduto con Trump in America o con Berlusconi in Italia, spesso l’uomo forte è espressione di quell’1% di persone ricche che già comandano tutto. La fragilità della democrazia non riesce ad arginare con i propri strumenti uno scontro di queste dimensioni e lascia i cittadini privi di un’alternativa credibile”.

Difficili infine le prospettive

“Alle paure che spingono i giovani, gli operai e le fasce più povere, verso movimenti neofascisti che alzano proclami contro le multinazionali, si contrappongono grosse coalizioni moderate che dalla Germania alla Francia e all’Italia aggregano le forze politiche allineate alle indicazioni macroeconomiche della Banca Mondiale, del Fondo Monetario Internazionale, della Banca Centrale Europea e di tecnocrazie a cui è demandata la difesa dello status-quo. Se l’alternativa ad un sistema capitalistico ingiusto, iniquo e oppressivo, è rappresentata da Trump, Marine Le Pen, Salvini, e da formazioni neofasciste che sfondano elettoralmente e governano in Austria, Polonia, Ungheria e altri territori europei, quale prospettiva si può ipotizzare per non rimanere stritolati tra chi ti toglie i diritti e le libertà con eleganza e chi te li toglie urlando in piazza ?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

panettone di caprio
Futuro Molise
faga gioielli venafro isernia cassino
colacem
panettone artigianele natale di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

panettone di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino
Futuro Molise
panettone artigianele natale di caprio
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: