TASSE UNIVERSITARIE – Troppe alte per chi… le paga, Grasso le vuole abolire. Risponde il rettore Palmieri

Smaltimenti Sud
pasta La Molisana
ristorante il monsignore venafro
DR F35 Promozione
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
eventi tenuta santa cristina venafro
DR 5.0 Promozione

CAMPOBASSO – Tasse universitarie la scia di polemiche causata dalle dichiarazioni del presidente del Senato Pietro Grasso che qualche giorno fa ha rivelato che nel suo programma elettorale c’è anche loro abolizione, ha un riscontro anche locale.

La rivelazione dell’ex magistrato siculo è stata, infatti, ripresa dal Rettore di Unimol Palmieri candidato al Senato con “Liberi e uguali che così commenta.

“Sull’abolizione delle tasse universitarie: verità e ipocrisie. Rattrista, ma non sorprende, che la proposta del Presidente Grasso di abolire le tasse universitarie abbia suscitato un incredibile fuoco di fila di critiche, velate di ironia e sprezzo, da parte di esponenti di diverse parti politiche e non. Da Giorgia Meloni (“se Grasso è di Sinistra io sono Mao Tse-Tung”), a Carlo Calenda (“proposta alla Trump che favorisce i ricchi”), da Matteo Renzi (“favore ai ricchi e fuori corso”), a Tommaso Agasisti (“boutade irrealizzabile”) e Tommaso Nannicini (“vuol dire utilizzare i tributi di tutti per pagare un servizio che avvantaggia soprattutto le classi medioalte”). Siamo in campagna elettorale e fa specie che il leader di LeU abbia, per primo e forse rubando la scena ad altri, avanzato una proposta su un tema tanto sentito dalle famiglie italiane: quello del mantenimento dei figli agli studi universitari. Dal mio punto di vista, a destare scandalo non è affatto la proposta di rendere gratuita l’Università, come in Germania e Francia, quanto il tenore delle reazioni e delle critiche, che denotano o una scarsa sensibilità sociale ovvero, nel migliore dei casi, una limitata conoscenza della realtà universitaria e del Paese”.

Continua con lo stupore sulle affermazioni secondo le quali il servizio universitario possa appannaggio delle classi sociali medio alte, quasi un privilegio di casta.

“Se lo fosse diventato sarebbe davvero un dramma – continua Palmieri – E’ infatti noto che quanto maggiore è il numero dei giovani muniti di formazione universitaria tanto più elevato è il tasso di sviluppo economico di un Paese (Germania docet…). Fortunatamente non è cosi, a meno di considerare appartenenti a classi medio alte il milione e passa di studenti con reddito e patrimonio familiari da 0 a 30.000 euro annui (1.082.117 sul totale di 1.637.079: dati INPS). Vero è invece che l’Università continua a costituire in gran parte del Paese l’unico ascensore sociale ancora funzionante che induce famiglie poco abbienti a caricarsi di enormi sacrifici, pur di garantire un futuro ai propri ragazzi. Ma ancor più desta perplessità l’uso disinvolto dell’argomento che, a detta dei critici del Presidente del Senato, rivelerebbe il carattere meramente populistico della sua proposta: dicono i critici che gli studenti con ISEUU fino a 13.000 euro già sono esonerati dalle tasse universitarie in quanto beneficiari della cosiddetta. No Tax Area, introdotta dalla Legge. 232 del 2016 Si tratta di un argomento solo apparentemente solido, ma in realtà inconsistente.

“Si omette infatti di dire – conclude Palmieri –  che l’esonero non si estende alla tassa regionale per il diritto allo studio (400 euro circa all’anno), che dunque tutti gli studenti continuano a pagare in aggiunta alle altre voci di spesa per il proprio mantenimento agli studi, e che non è stata varata dal governo una misura integralmente compensativa delle minori entrate che gli atenei statali patiscono per effetto dell’ ”esonero” attuato con la cd. no Tax Area. Il che si traduce in un ulteriore impoverimento dei servizi che le università, già fiaccate da anni di tagli, possono garantire agli studenti, indigenti e non. In questa prospettiva si coglie pienamente la novità e la portata della proposta del Presidente Grasso: proporre l’esonero delle tasse universitarie significa postulare nuovi e sostanziosi investimenti dello Stato a favore delle Università. Liberi e Uguali sembra perciò essere l’unica forza nel panorama politico italiano davvero consapevole del ruolo cruciale della formazione universitaria per il futuro dei nostri ragazzi”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

faga gioielli venafro isernia cassino
panettone artigianele natale di caprio
colacem
panettone di caprio
Futuro Molise
Maison Du Café Venafro

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

SEGUICI SU FACEBOOK »

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

panettone di caprio
Maison Du Café Venafro
Futuro Molise
colacem
faga gioielli venafro isernia cassino
panettone artigianele natale di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

SEGUICI SU FACEBOOK »

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: