VENAFRO – Bullismo, cyberbullismo ed educazione ai media, al Giordano l’incontro per sensibilizzare i ragazzi

VENAFRO – Bullismo, cyberbullismo ed educazione ai media, al Giordano l’incontro per sensibilizzare i ragazzi
mama caffè bar venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
Smaltimenti Sud
vaccino salva vita
pasta La Molisana

SCUOLA – “Bullismo, cyberbullismo ed educazione ai media”, questo il titolo dell’incontro che si è tenuto questa mattina presso l’Istituto Statale “A. Giordano” di Venafro.

Un fenomeno, quello del cyberbullismo, sempre più in espansione e difficile da combattere, l’unico modo per provare a contrastarlo è sensibilizzare i ragazzi attraverso incontri e dibattiti organizzati anche in collaborazione con gli istituti scolastici. Proprio per questo, in occasione della Giornata Nazionale contro il bullismo e il cyberbullismo, nell’Aula Magna del Giordano si sono riuniti gli studenti degli istituti comprensivi “Pilla” e “Testa” di Venafro e dell’istituto comprensivo di Montaquila.

“La scuola può informare e dare la possibilità ai ragazzi di comprendere i fenomeni del bullismo e del cyberbullismo. – ha detto la Dirigente Scolastica, Rossella Simeone – Le istituzioni interessate sono tante, oltre la scuola ci sono le università, le forze di polizia, il ministero dell’interni. Oggi siamo in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale, che sente molto il fenomeno e cerca di arginarlo dal punto di vista educativo e formativo”.

L’Isis Giordano inoltre, sempre in collaborazione con l’USR Molise, ha realizzato uno spot di pubblicità progresso riguardante questi due fenomeni, trasmesso durante l’incontro di questa mattina.

A prendere parte anche la garante regionale dei Diritti della Persona, Leontina Lanciano che ha sottolineato la pericolosità del fenomeno “Il problema del bullismo e del cyber bullismo è in grande espansione, basti pensare alla legge parlamentare, la numero 71 del 2017, per invitare tutte le Regioni ad adoperarsi affinchè collaborino per contrastare questo fenomeno”.

“Il bullismo è qualcosa che di solito avviene all’interno di una situazione scolastica da parte di uno studente o a volte anche da parte dell’istituto ed è concentrato su offese, piccoli atteggiamenti dove non c’è un confine tra ciò che è un brutto scherzo e una violenza vera e propria. – ha spiegato la garante – Per quanto riguarda il cyberbullismo la cosa può essere più preoccupante perché con le ultime tecnologie il bullo può entrare in casa di chiunque e ciò che fa non resta all’interno di un rapporto ristretto. È chiaro che bisogna fare qualcosa per questo fenomeno che è in grande espansione, quindi ben vengano queste attività che coinvolgono i ragazzi perché la cosa più importante è sensibilizzarli, lavorare con le famiglie e gli insegnanti per riconoscere subito i segnali di una situazione di bullismo e intervenire”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

fabrizio siravo assicurazioni
error: