POSTE ITALIANE – Recapito, firmato l’accordo. Si va verso una riorganizzazione del sistema

Assicurazioni Fabrizio Siravo

CAMPOBASSO –  Poste sindacati, firmato un accordo a livello nazionale che ovviamente avrà ricadute si spera positive anche sul territorio locale per quello che riguarda il recapito e i posti di lavoro.

L’intesa, raggiunta dopo mesi di difficile confronto come afferma Antonio D’Alessandro della Cisl Poste Molise, ridisegna l’architrave del modello operativo di consegna degli oggetti di corrispondenza nella più grande Azienda Italiana, una realtà imprenditoriale sempre più alle prese con la problematica connessa al costante calo dei volumi di posta tradizionale e con la conseguente necessità di individuare forme di compensazione attraverso il presidio di nuovi mercati quali, ad esempio, il commercio elettronico ed i pacchi. Con l’intesa raggiunta, Azienda e tutte le OO.SS. in logica di investimenti, pongono le basi per l’avvio di dinamiche di potenziale sviluppo legato all’estensione di piattaforme digitali rivolte in termini di offerta alle Piccole e Medie Imprese.
“Introdotte forme remunerate di flessibilità nella prestazione del Portalettere e negli orari – precisa Antonio D’Alessandro -, al fine di agevolare miglioramenti qualitativi del recapito reso in un mercato sempre più competitivo. Poste Italiane, per continuare a svolgere la sua importante funzione sociale all’interno del Paese, deve necessariamente ricercare condizioni di equilibrio economico finanziario soprattutto nel settore postale.
In tale direzione l’accordo realizza importanti economie in termini di recupero dei costi, necessari a mettere in sicurezza i conti di bilancio della Divisione Postale, in un mix di efficientamenti e di Politiche Attive del Lavoro volte a realizzare nel 2018 mille nuove assunzioni, mobilità volontarie su scala nazionale, 900 trasformazioni da Part-Time in Full-Time nel prossimo triennio, sviluppi professionali in favore del personale coinvolto nel complesso piano di riordino”.
Naturalmente, ora, la parola passa alle oltre duemila RSU di Poste Italiane che dovranno validare l’accordo per la sua efficacia erga omnes.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

messaggi politici elettorali »

Laura Venittelli

Pubblicità »

Blackberries Venafro
Verauto Ford Fiesta

WEEK NEWS »

Scarica l’App Molise Network »

Pubblicità »

Blackberries Venafro
Verauto Ford Fiesta
error: Content is protected !!