MEDICINA E SALUTE – Le prospettive della ricerca di frontiera nella lotta alla malattia di Huntington

stampa digitale pubblicità black&barry venafro
sanificazione disinfezione pulizia venafro isernia
ristorante il monsignore venafro
Smaltimenti Sud
Maison Du Café Venafro
faga gioielli venafro isernia cassino
eventi tenuta santa cristina venafro
pasta La Molisana

POZZILLI – È stata una carrellata sulla lunga storia di quel “gene antico”, al quale è legata la malattia di Huntington, la temibile patologia nervosa a base genetica.

E proprio su una prospettiva globale di questa malattia, della sua storia, delle sue origini e delle promesse che la ricerca scientifica sta aprendo, è stato incentrato il seminario “Neuroni da staminali per l’Huntington: prospettive conoscitive e cliniche in ambito neurologico a partire da un gene antico”, tenuto oggi nell’I.R.C.C.S. Neuromed dalla professoressa Elena Cattaneo.

Cattaneo, Direttrice del Laboratorio di Biologia delle Cellule Staminali e Farmacologia delle Malattie Neurodegenerative del Dipartimento di Bioscienze, Università di Milano, nonché Senatrice a vita, ha dato una visione d’insieme alla malattia di Huntington. Con un accenno alle ricerche in corso e a ciò che ci possiamo aspettare. “Vi sono diverse strade attualmente allo studio – ha detto la ricercatrice – Una, che definirei fenomenale, è di “silenziare” il gene responsabile della malattia. È stato infatti costruito in laboratorio qualcosa di simile a uno “scotch molecolare”, che riconosce esattamente il gene nel DNA e lo mette a tacere. I risultati su modelli animali sono stati molto incoraggianti, e nel 2015 è stata avviata la prima sperimentazione su esseri umani. Questa è una strada maestra, nella quale potremo colpire specificamente le cause della patologia

L’altro aspetto è quello delle cellule staminali, con la prospettiva di usarle per rimpiazzare il tessuto nervoso danneggiato dalla malattia. “Sulle staminali – ha detto ancora Cattaneo – dobbiamo stare bene con i piedi per terra. È importante che il pubblico capisca che serve tantissima ricerca, tantissime prove devono essere accumulate. Non c’è da andare dietro a “riti sciamanici”. Oggi, dopo decenni di studi, abbiamo un “faro” per le malattie neurodegenerative: l’uso di staminali embrionali. Nel 2011, per la prima volta, è stato possibile “istruire” queste cellule in modo che si trasformassero in neuroni dopaminergici, proprio quelli che muoiono nella malattia di Parkinson”.

Il seminario della professoressa Cattaneo è inserito nell’ambito delle iniziative Neuromed per la Giornata delle Malattie Rare, che si celebra il 28 febbraio.

Martedì 27 febbraio, dalle ore 10.30, il professor Stefano Ruggieri e la dottoressa Francesca Elifani, terranno un incontro dal titolo “Le malattie Rare: insieme le possibilità sono infinite”, presso il Liceo Scientifico Romita di Campobasso.

Mercoledì, 28 febbraio, la dottoressa Alba Di Pardo, del Centro di Neurogenetica e Malattie Rare Neuromed, incontrerà a partire dalle ore 16.00, gli studenti dell’Istituto Comprensivo Leopoldo Pilla presso il Centro sociale Don Orione di Venafro insieme a Palmina Giannini.

Nelle mattinate del 27 e 28 febbraio, infine, sarà disponibile un Info Point nella Hall principale della Clinica dell’I.R.C.C.S. Neuromed.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

panettone di caprio
venafro farmaciadelcorso glutenfree
colacem
panettone artigianele natale di caprio
Futuro Molise
faga gioielli venafro isernia cassino

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

panettone di caprio
panettone artigianele natale di caprio
Futuro Molise
colacem
venafro farmaciadelcorso glutenfree
faga gioielli venafro isernia cassino

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: