POLITICHE – Di Marzio “Sanità pubblica di qualità e riduzione delle liste di attesa”

luigi di marzio
eventi tenuta santa cristina venafro
Maison Du Café Venafro
pasta La Molisana
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
Smaltimenti Sud
sanificazione disinfezione pulizia venafro isernia
ristorante il monsignore venafro
faga gioielli venafro isernia cassino

CAMPOBASSO – Sanità pubblica e riduzione delle liste di attesa. Luigi Di Marzo candidato al Senato di Cinque stelle  commenta.

“Fa comunque piacere che almeno sotto elezioni tutti parlino di Sanità pubblica – spiega il candidato M5S al Senato Luigi Di Marzio – Il MoVimento 5 Stelle lo fa da sempre come da sempre ha le idee chiare su una Sanità che sia, appunto, pubblica ma anche di qualità. Bisogna innanzitutto aumentare le risorse per la sanità pubblica e ridurre in maniera sostanziale le liste d’attesa.  Dal 2012 ad oggi, infatti, il settore sanitario pubblico in Italia ha visto tagli per oltre 25 miliardi di euro rispetto al fabbisogno. Molte prestazioni che prima erano garantite oggi sono a pagamento anche a causa delle lunghe liste di attesa. Ricordiamo – prosegue Luigi Di Marzio – che in Italia ci sono circa 11 milioni di persone che nel 2016 hanno rinunciato a curarsi almeno una volta per mancanza di risorse economiche o per le liste d’attesa troppo lunghe.

Bisogna tornare a superare il 6,5% del Pil in spesa sanitaria pubblica, aumentare gli investimenti in prevenzione e sulla digitalizzazione, aumentare il Fondo non autosufficienze ed investire sul personale assumendo 10 mila persone (oggi siamo sanzionati dall’Ue per carenza di personale). Ricordiamo che il numero di medici per abitante nel nostro Paese è in linea con le medie europee, ma solo perché nel computo vengono calcolati anche i medici che operano nel privato. Anche l’età media è un problema da affrontare: un medico su due ha oltre 55 anni. Inoltre, va fatto presente che il personale infermieristico è in grave difficoltà e non è sufficiente rispetto alle necessità (nonostante i tagli ai posti letto che hanno fatto in questi anni). Il rapporto infermieri-abitanti è di 6,1 ogni mille abitanti, contro una media UE di 8,4). Infine – termina Luigi Di Marzio – ribadiamo la necessità di intervenire sulla formazione e sulla ricerca scientifica, contrastare la corruzione e gli sprechi ed eliminare i ticket sanitari. La salute deve essere effettivamente tutelata attraverso un efficiente sistema sanitario nazionale”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

venafro farmaciadelcorso glutenfree
Futuro Molise
panettone di caprio
panettone artigianele natale di caprio
colacem
faga gioielli venafro isernia cassino

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

faga gioielli venafro isernia cassino
Futuro Molise
venafro farmaciadelcorso glutenfree
panettone di caprio
panettone artigianele natale di caprio
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: