RICERCA – Medicina rigenerativa e cellule staminali. Inizia la collaborazione tra il CNR e la Fondazione “Giovanni Paolo II”

5x1000 Neuromed
Assicurazioni Fabrizio Siravo
Panificio Di Mambro Venafro
Blackberries Venafro

CAMPOBASSO – Medicina rigenerativa, cellule staminali e nuovi dispositivi tecnologicamente avanzati, queste le principali linee su cui si sviluppa la collaborazione tra la Fondazione di Ricerca e Cura “Giovanni Paolo II” e il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR).

“Approfondiremo dal punto di vista scientifico e con l’ausilio di tecnologie innovative alcuni dei progetti di ricerca promossi dalla Fondazione, che hanno già ottenuto importanti risultati – ha commentato Roberto Rizzi ricercatore CNR – integreremo gli studi condotti a Campobasso, soprattutto nell’ambito delle cellule staminali, con i nostri, nell’ottica di ampliare l’oggetto della ricerca e coinvolgere i più prestigiosi istituti del settore”.

Inizia di fatto, sotto l’egida del professor Luigi Rossi-Bernardi, ispiratore dell’iniziativa, una collaborazione   strutturata tra il CNR e la Fondazione “Giovanni Paolo II”. Il Centro molisano è stato scelto come partner della più grande e prestigiosa struttura di ricerca in Italia. Un’ulteriore riconoscimento che conferma la vocazione all’eccellenza della Fondazione.

Il progetto interesserà in modo particolare l’ambito cardiovascolare, valorizzando il lavoro condotto dagli specialisti del Dipartimento, diretto da Carlo De Filippo. Coordinatore operativo del progetto sarà Eugenio Caradonna, Responsabile dell’Unità di Ricerca. Del gruppo farà parte anche Claudia Bearzi, ricercatrice di fama mondiale che ha partecipato alla scoperta delle cellule staminali cardiache.

Il potenziamento della ricerca è tra gli obiettivi del Piano di sviluppo della Fondazione, elaborato dal Consiglio di Amministrazione, presieduto da Maurizio Guizzardi.  Il coordinamento generale è stato affidato al Direttore, Mario Zappia.

Le cellule staminali offrono una speranza senza precedenti per la cura e forse la guarigione di tessuti gravemente danneggiati che non possono essere salvati nemmeno dai trattamenti farmacologici o chirurgici più avanzati. Questa prospettiva ha aperto la strada ad un nuovo paradigma nella gestione di malattie complesse, la cosiddetta “Medicina Rigenerativa”, che ha la potenzialità di guarire malattie oggi cronicizzate e di aiutare un invecchiamento sano e attivo, con eccezionali ricadute anche di natura sociale. Le cellule staminali hanno la capacità di replicarsi ed indirizzarsi verso uno specifico tessuto rigenerandolo in parte o interamente mediante semplice reinfusione, anche se in un punto distante dal tessuto bersaglio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

PUBBLICITA’ »

Colacem

Scarica l’App Molise Network »

PUBBLICITA’ »

error: Content is protected !!