CRONACA – Furti agli anziani, incontri di prevenzione

Smaltimenti Sud
mama caffè bar venafro
vaccino salva vita
pasta La Molisana
stampa digitale pubblicità black&barry venafro

ORATINO – Consigli e suggerimenti utili per prevenire furti e truffe ai danni degli anziani, i Carabinieri hanno incontrato i cittadini.

Sabato 24 febbraio, il Comandante della Compagnia Carabinieri di Campobasso Maggiore Valeria Nestola ed il Comandante della Stazione capoluogo Luogotenente Matteo Antonio Tagliaferri hanno incontrato i cittadini di Oratino presso la chiesa del paese. Un’occasione per dialogare e confrontarsi, favorendo un clima di vicinanza ed ascolto.

I militari hanno preso spunto dalla Rivisti Istituzionale dell’Arma “Il Carabiniere” che nel mese di dicembre 2017 ha dedicato un opuscolo all’argomento, dal titolo “Truffe agli anziani. I consigli dell’Arma”. Tale fenomeno, nel tempo fortemente contrastato in questo territorio sia dalle attività d’indagine delle Forze di Polizia sia grazie a questi momenti di incontro con i cittadini interessati, vede come vittime persone con minore capacità di difesa basandosi sull’utilizzo di spiacevoli raggiri volti a convincere i malcapitati a consegnare importanti somme di denaro, monili in oro o altri beni materiali.

Spesso gli autori di tali reati fanno leva sulla famiglia, inducendo a credere a storie fantasiose di finti nipoti che chiedono di ritirare e pagare della merce per proprio conto presso corrieri in arrivo che puntualmente si rivelano fantomatici, come pure finti sono gli interlocutori di telefonate che inducono le vittime a ritenere di parlare proprio con qualcuno di loro conoscenza, magari convinti da qualche riferimento verosimile. Dalla convinzione di dover fare qualcosa di assolutamente necessario per un proprio congiunto, alla consegna del denaro o altro bene il passo è breve, e ciò avviene in un clima di artefatta confusione e coinvolgimento emotivo.

È necessario pertanto rifiutare ogni forma di incontro già dal primo tentativo di visita in casa o dalla prima telefonata e, se possibile, ricevuta una richiesta, fare delle verifiche chiamando il 112 o direttamente un proprio parente con un altro apparato telefonico diverso dall’ utenza fissa ove sono pervenute le telefonate adescatrici. È infine importantissimo ricordare che le vittime non hanno mai alcun motivo di provare imbarazzo o vergogna a raccontare quanto eventualmente accaduto e che un’immediata richiesta di intervento delle Forze dell’Ordine può fornire molte più possibilità di rintraccio dei malviventi oltre che in generale orientare positivamente le indagini. Continueranno nelle prossime settimane gli incontri fra cittadini e Comandanti delle Stazioni Carabinieri della Provincia sulla tematica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: