LAVORO – La scomparsa del Diesel in Fiat Fca metterebbe in crisi lo stabilimento di Termoli

franchitti interiors
Pubblicità Molise Network
Black&berries Venafro
Assicurazioni Fabrizio Siravo

CAMPOBASSO – L’annuncio è choc per il lavoro che potrebbe venir meno nel settore auto. Secondo quanto pubblicato dal Financial Time dal 2022 niente più auto Diesel.

Lo avrebbe annunciato Sergio Marchionne amministratore delegato di Fiat Fca. Un provvedimento che se fosse vero e se ne saprà di più al 1 giugno quando verrà comunicato il Piano industriale 2018 della casa torinese, sarebbe un colpo durissimo agli operai e maestranze dello stabilimento di Termoli e per le prospettive produttive e occupazionali annunciate per la Fiat del Basso Molise. In qualche modo è preoccupata anche la politica locale, Michele Petraroia consigliere regionale di Dem che ha sollevato questa problematica  sottolinea.

“Al cospetto di strategie globali predisposte da una multinazionale che ha già spostato la sede legale e fiscale in altri paesi europei, e che ha fabbriche e jointe-venture in Asia, Sudamerica, Europa e America del Nord, i margini d’intervento per l’Italia sono residuali e quelli del Molise sono quasi nulli, ma questa consapevolezza non deve indurci a non unire le forze e non tentare di intraprendere ogni iniziativa a tutela dello stabilimento di Termoli. D’altronde i principali dirigenti sindacali nazionali del settore hanno già proposto alla FIAT-FCA di prevedere una nuova missione produttiva per la fabbrica del Molise con l’obiettivo di non far disperdere un patrimonio di competenze professionali di alta qualità che non teme confronto con ogni altro stabilimento del Gruppo”.

Petraroia invita pertanto la classe dirigente e politica regionale a seguire questa vicenda.

“Pur consapevole che in questi ultimi giorni di campagna elettorale la propaganda sostituirà la comunicazione istituzionale offrendo poco spazio ai temi veri che toccano il futuro di migliaia di persone, è opportuno seguire tutti insieme l’evoluzione di questa vicenda per non farsi trovare impreparati nel caso ci sia bisogno di muovere qualche passo nei confronti del futuro Governo che si insedierà dopo la tornata del 4 marzo. Il Molise è già alle prese con il rispetto degli impegni del Gruppo Amadori per la stipula del Contratto di Sviluppo presso il Ministero che traccerebbe i tempi del rilancio del settore avicolo, nel mentre non sono chiari i tempi di investimento delle imprese che hanno partecipato al bando INVITALIA per l’area di crisi industriale complessa. Dismesso il comparto bieticolo-saccarifero e ridotta all’irrilevanza economica la filiera tessile, con l’edilizia che ha perso 5 mila addetti su 10 mila dal 2008 al 2017, il Molise ha il dovere di difendere le proprie attività produttive adoperandosi con politiche industriali finalizzate a migliorare la competitività delle nostre imprese sui mercati.

L’appello

“Sarebbe auspicabile immediatamente dopo il 4 marzo porre attenzione sul comparto lattiero-caseario intervenendo anche a supporto di aziende coinvolte, loro malgrado, in vicende giudiziarie che rischiano di pregiudicare decenni di sacrifici, investimenti e lavoro. Pur rispettando l’autonomia della Magistratura, le Istituzioni Regionali e Locali, hanno il dovere di verificare la possibilità di preservare attività, produzioni e posti di lavoro, evitando di assistere passivamente alle sofferenze di un’azienda significativa del settore.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

PUBBLICITA’ »

Ferrovie del Gargano
Colacem

Resta aggiornato »

Pubblicità »

Pubblicità »

PUBBLICITA’ »

Ferrovie del Gargano
Colacem

Resta aggiornato »

Pubblicità »

Pubblicità »

Pubblicità »

error: