EMERGENZA VENEZUELA – Centinaia i molisani rientrati nell’ultimo biennio, c’è bisogno di aiuto

emergenza venezuela
Smaltimenti Sud
mama caffè bar venafro
pasta La Molisana
stampa digitale pubblicità black&barry venafro

CAMPOBASSO – La situazione di emergenza in Venezuela si fa sempre più grave: supermercati vuoti, mancanza di beni di prima necessità, assenza di medicinali.

Impossibile uscire la sera, bisogna rispettare il coprifuoco per non rischiare di venire rapiti o uccisi. Sembra una situazione surreale eppure sono tante le testimonianze, in particolare di quegli italiani che per sfuggire alla situazione di pericolo sono rientrati nel loro paese d’origine.

Una realtà che riguarda anche la nostra regione, considerando la quantità di molisani che risiede nello stato sudamericano. Nell’ultimo biennio centinaia di famiglie sono riuscite a tornare nel loro paese d’origine, i più fortunati hanno trovato familiari e vecchi contatti a cui rivolgersi, altri invece sono rimasti spaesati e soli, soprattutto coloro che arrivano per la prima volta.

A battersi senza sosta per aiutare chi si trova in difficoltà sono i volontari dell’Associazione “Padre Giuseppe Tedeschi” che hanno dato vita al Comitato Molise Pro-Venezuela insieme a persone rientrate nei loro comuni di origine e ai rappresentanti delle Federazioni, Associazioni e personalità molisane residenti a Caracas, Valencia, Maracay, Barquisimeto, Maracaibo, Guaraca e altre località venezuelane. Il Comitato ha stretto accordi con la Fondazione Abruzzo Solidale, Con l’Associazione ALI Italia (Associazione Latinoamericana in Italia), e con Associazioni che operano nel Lazio, in Venezuela e in Molise, per ampliare una Rete di solidarietà capace di intervenire in soccorso della popolazione venezuelana e capace di unire gli oriundi italiani rientrati nella comunità d’origine delle proprie famiglie.

Lo scopo principale è velocizzare il processo di reinserimento per coloro che sono tornati in Molise, non solo creando un clima di fiducia ma anche aiutando nella compilazione di pratiche per far riconoscere la cittadinanza italiana, i titoli di studio, le abilitazioni professionali e il riconoscimento delle patenti, l’assegnazione del medico di base e l’iscrizione nelle scuole per alunni e studenti.

Non viene dimenticato chi purtroppo è rimasto lì, il Comitato infatti si sta adoperando per creare un corridoio umanitario per l’invio di medicinali e beni di prima necessità. Inoltre, il Comitato sta provando a far rientrare una famiglia in difficoltà originaria di Toro, con due bimbe di 3 e 5 anni, presso l’Agenzia “Molise Viaggi” in Viale Elena a Campobasso è stato aperto un conto per le donazioni volontarie.

Per chi intende mettersi in contatto per ricevere informazioni anche sulle iniziative di solidarietà intraprese ci si può rivolgere ai seguenti recapiti:

Comitato Molise Pro – Venezuela: moliseprovenezuela2017@gmail.com

Associazione Tedeschi: associazionetedeschi@gmail.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: