PARI OPPURTUNITA’ – La Lembo sottolinea i diritti delle donne e le opportunità da riqualificare e riprendere

Smaltimenti Sud
pasta La Molisana
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
mama caffè bar venafro

CAMPOBASSO – Un paese per donne cominciando dai piccoli territori e dalle regioni.

Lo afferma la Consigliera di Parità della provincia di Campobasso e Autorità per i diritti e le pari opportunità della Regione Molise Giuditta Lembo. Per quest’ultima l’Italia e quindi il Molise continua a non essere un paese  dove le donne dovrebbero avere la loro parte e partecipazione. E annuncia un documento da sottoporre all’attenzione dei candidati presidenti alla Regione

“Mai come in questo momento –afferma la Lembo- occorre necessariamente convenire che occorre predisporre un documento politico che raccolga l’elenco delle azioni da realizzare per permettere finalmente all’Italia di diventare un Paese per Donne ripartendo dalle regioni e dai piccoli territori. Un documento che nei prossimi giorni sottoporrò all’attenzione dei candidati alla presidenza della Regione Molise e che evidenzierà diversi temi di cui fino ad ora non mi sembra aver sentito affiorare tra i vari obiettivi riportati nelle agende politiche dei candidati.

Il Global Gender Gap Index 2017, del World Economic Forum, vede infatti l’Italia all’82esimo posto su 144 Paesi analizzati, e addirittura al 117 esimo posto quando consideriamo la dimensione economica. Occorre comprendere che- prosegue Giuditta lembo- l’enorme vantaggio dell’occupazione femminile è che crea altro lavoro. Le famiglie a doppio reddito consumano molti più servizi delle famiglie monoreddito. Per ogni 100 donne che entrano nel mercato del lavoro si possono creare fino a 15 posti aggiuntivi nel settore dei servizi: assistenza all’infanzia e agli anziani, prestazioni per i vari bisogni domestici, ricreazione, ristorazione, turismo, ecc…Molti studi hanno evidenziato che un aumento della partecipazione femminile al mercato del lavoro del 25% entro il 2025 può aggiungere l’1% alle previsioni di crescita del PIL.”

I risultati nazionali e regionali sono, però, lontani dalla misura che possa colmare il gap tra uomini e donne

“E’ ormai evidente a tutti e a tutte -continua la Lembo – che garantire un maggiore equilibrio nei luoghi decisionali produce un beneficio non solo alle donne, ma alla società e alla democrazia nel suo complesso. Purtroppo siamo ad un punto fermo anche in politica nonostante interventi normativi apparentemente garantisti. Infatti, partendo ad esempio dai risultati delle recenti elezioni a livello nazionale si può constatare che alla Camera sono entrate solo 210 donne su un totale di 630 deputati, il 33%; al Senato ne sono entrate 107 su 315 senatori eletti, il 34 %. Nel 2013 alla Camera le donne costituivano il 31%, mentre al Senato erano il 29%. I miglioramenti sono davvero minimi! Ci aspettavamo sicuramente risultati migliori perché il Rosatellum prevede espressamente strumenti per promuovere la parità di genere. I dati migliorano se si considerano solo gli eletti all’uninominale: alla Camera 83 donne su un totale di 232 deputati (36%) elette col sistema maggioritario. Al Senato 45 donne su 116 eletti (39%).Per quanto riguarda la composizione rispetto al partito risulta che nel centro-destra, le donne sono il 30,5 per cento alla Camera e il 31,8 al Senato. Nel Movimento 5 stelle, le donne sono il 41,6 % alla Camera e il 38,4 al Senato. Per il centro-sinistra le donne sono il 30,6 % dei deputati e il 33,9 % dei senatori. Su base regionale, i dati sono diversi tra i due rami del Parlamento: al Senato è il Centro ad aver eletto più donne, mentre alla Camera ne ha elette di più il Sud. Il Nord presenta quote molto simili sia alla Camera che al Senato. In conclusione si può condividere che il Rosatellum pur prevedendo l’alternanza di genere nelle liste di partiti e collegi, una misura che dovrebbe garantire una rappresentanza di donne non inferiore al 40 % alla Camera e al Senato, ha invece prodotto un effetto flipper. I partiti hanno ovviato all’alternanza di genere candidando le stesse donne su liste diverse. E purtroppo le donne hanno accettato!”

La percentuale del 40% di candidature di donne alle Politche non inganni perché

“le candidate sono state “spalmate” in più collegi mantenendo nella realtà al di sotto del 40 % la quota delle candidate. Le pluricandidature femminili sembravano vantaggiose ma da subito si sarebbe potuto notare che nella realtà il sistema si poteva trasformare, come poi è avvenuto, in un boomerang per le donne. Con questo sistema, infatti, le donne dovendo necessariamente risultare elette in un solo collegio, in caso di vittoria in più collegi, avrebbero dovuto lasciare automaticamente il posto a chi le seguiva nella lista, che per legge era un uomo! Scarsa conoscenza dei meccanismi elettorali da parte delle donne? Poco altruismo al femminile?O remissività al potere decisionale dei partiti? Vedremo cosa accadrà alle prossime elezioni regionali in Molise dove le premesse sono date dalla presenza di quattro candidati alla Presidenza della Regione tutti uomini!”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Pasqua
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: