REGIONALI – Berlusconi a Isernia, “Sono l’unico nel centrodestra in grado di fermare i Cinque Stelle”

Berlusconi Isernia
Assicurazioni Fabrizio Siravo
Blackberries Venafro
5x1000 Neuromed
Panificio Di Mambro Venafro

ISERNIA – Si conclude la due giorni molisana di Silvio Berlusconi, approdato in regione per sostenere il candidato governatore di centrodestra Donato Toma.

Dopo Termoli, San Giuliano e Campobasso questa mattina è stata la volta di Isernia dove il leader di Forza Italia ha incontrato cittadini e sostenitori del partito per affrontare i temi più importanti in vista del 22 aprile. Qualche ritardo sulla tabella di marcia, circa un’ora e mezza di attesa per simpatizzanti, curiosi e giornalisti, a quanto pare il presidente Berlusconi ha dovuto prima occuparsi dell’attacco sferrato questa notte da Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia in Siria contro il regime di Assad.

“Questo è il momento di non pensare e non di parlare. – ha detto Berlusconi in merito alla questione siriana – Sono stati colpiti siti dove si presume che vengano prodotte armi chimiche. I missili sono l’estricazione di un principio: la ferma risposta all’uso di strumenti non convenzionali”.

Nel capoluogo pentro era inizialmente previsto un doppio appuntamento, visita alla Cattedrale e poi conferenza all’Auditorium Unità d’Italia. Per colpa dei ritardi, in tanti hanno aspettato invano la passeggiata di Berlusconi nel centro storico che invece si è recato di volata all’auditorium per parlare del programma elettorale del centrodestra.

“Toma mi ha presentato un programma di 30 pagine in cui si esaminano le esigenze del Molise. – comunica l’ex premier alla folla – Ritorno alla crescita e sviluppo economico per la creazione di posti di lavoro, miglioramento della sanità, delle infrastrutture e della viabilità. Il turismo è calato del 20% e solo il 9% arriva dall’estero, anche di questo si parla nel programma di Toma e io gli ho promesso che nelle mie televisioni andranno in onda speciali sul Molise. Anche per l’ambiente ci vuole più attenzione e bisogna fare cose che finora la sinistra non ha mai fatto”.

Berlusconi affronta anche il tanto chiacchierato argomento della formazione di Governo, raccontando che fin dall’età di 12 anni si è sempre battuto per il trionfo della democrazia. Cosa che farà anche questa volta, senza fare il famoso “passo indietro” chiesto da Di Maio, anzi è proprio per fermare i grillini che continua a restare in politica.

“Il Movimento 5 Stelle – ribadisce Berlusconi – è un grave pericolo per il Paese, per questo alla mia età sono ancora in campo per far sì che l’Italia non cada nelle mani dannose di questo movimento. Ho iniziato a 12 e ad oggi sono l’unico rappresentante del centrodestra in grado di fermare l’escalation dei 5 Stelle”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

PUBBLICITA’ »

Colacem

Scarica l’App Molise Network »

PUBBLICITA’ »

error: Content is protected !!