ISERNIA – Stop a bullismo e spaccio, arriva YouPol

franchitti interiors
5x1000 Neuromed
Blackberries Venafro
Panificio Di Mambro Venafro

YOUPOL – È ufficialmente attiva sul territorio della provincia di Isernia YouPol, l’applicazione della Polizia di Stato che permette di segnalare violenze, atti di bullismo e spaccio di sostanze stupefacenti in tempo reale.

Il funzionamento della nuova app è stato spiegato questa mattina nel corso di una conferenza stampa presso la Questura di Isernia, a parlarne il dirigente dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico Pasquale Marcovecchio.

“Questa applicazione gira sul circuito Apple Store e Play Store – ha spiegato Marcovecchio – e si può scaricare su smartphone e tablet. Necessita di un codice di attivazione e di una registrazione nel momento in cui si fa una segnalazione identificata ma c’è anche la possibilità di inviare segnalazioni anonime, nel caso in cui la persona non voglia interagire con gli organi di Polizia. Nel momento in cui ci si registra, fornendo nome, cognome e numero di telefono, si ha a disposizione una serie di benefit che permettono di interagire direttamente con la sala operativa. Ciò vuol dire ricevere un messaggio di presa in carico della segnalazione, poter inviare un sollecito ed essere messo a conoscenza della chiusura della pratica”.

Tramite il proprio cellulare, dunque, sarà possibile comunicare direttamente con la sala operativa della Questura inviando un semplice messaggio, la posizione e anche una foto. Gli agenti in base all’emergenza decideranno se intervenire o utilizzare la segnalazione per indagini future. Un modo per migliorare la vivibilità del territorio coinvolgendo anche i giovani.

“L’applicazione è stata già oggetto di un progetto pilota da parte del nostro dipartimento della Polizia di Stato – ha detto il Questore di Isernia Ruggiero Borzacchiello – e ha visto risultati positivi. Questo progetto è importante perché dà la possibilità di un maggiore coinvolgimento del mondo giovanile in quanto dà loro la possibilità di segnalare fenomeni di bullismo o di spaccio nelle varie parti del territorio”.

“Ovviamente – ha concluso Borzacchiello – sarà nostra cura andare anche nelle scuole perché vogliamo che effettivamente i giovani siano coinvolti e capiscano l’importanza di questa applicazione, che non è un semplice gioco ma è un qualcosa di importante”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

PUBBLICITA’ »

Colacem

Scarica l’App Molise Network »

PUBBLICITA’ »

error: Content is protected !!