MEDICINA E SALUTE – Verruche: quelle infezioni cutanee favorite da un sistema immunitario più debole

Verruche, infezioni cutanee,
Panificio Di Mambro Venafro
Blackberries Venafro
Assicurazioni Fabrizio Siravo
5x1000 Neuromed

VERRUCHE – Il nostro corpo è stato “addestrato” a resistere ad una moltitudine di infezioni e di problemi: purtroppo, però, alle volte capita di trovarsi con un sistema immunitario più debole del normale. Quando accade ciò, il muro che ci difende dai virus non si rivela abbastanza forte da resistere alle infezioni. Un esempio è dato dalle verruche, una problematica cutanea causata dall’infezione dell’HPV (Papilloma Virus Umano): quando le difese immunitarie si dimostrano deboli non riescono a controllare l’azione del virus e a debellarlo. Ecco spiegato perché alcune persone sono spesso soggette alla formazione delle verruche e perché faticano molto a liberarsi di esse.

Come si classificano le verruche?

Una caratteristica propria delle verruche è l’alto numero di varianti presenti: per questa ragione, conviene innanzitutto capire come sono le verruche informandosi su questa pagina, così da poterne comprendere l’eziologia. Detto questo, come si classificano le suddette formazioni cutanee? Le verruche più diffuse sono quelle volgari, che tendono a comparire sulle mani e sul dorso: possono essere molto dolorose e causare non pochi fastidi. A seguire troviamo le verruche plantari, che invece tendono a comparire sotto la pianta del piede: sono le più complesse da gestire, per via della loro delicata posizione. Nella classificazione troviamo anche le verruche piane, generalmente più lisce delle altre: possono emergere in qualsiasi zona del corpo. Fra le più particolari troviamo le verruche a mosaico e quelle filiformi: le prime compaiono in gruppi, mentre le seconde sul viso.

Verruche: sintomi, decorso e cure

Purtroppo è molto difficile elencare ogni specifico sintomo delle verruche, dato che essi cambiano in base alla tipologia. Ad ogni modo, quasi tutte le verruche hanno l’aspetto di protuberanze cutanee: si va dalle papule alle escrescenze sottili e lunghe (come le verruche filiformi). Tendono poi ad avere un colore che va dal biancastro al grigio, ma esistono anche verruche rosa, gialle o marroni. Per quanto concerne il decorso, le verruche tendono generalmente a guarire in modo spontaneo: possono però durare anche per più di quattro anni. Come curarle? Esistono sistemi fisici come la crioterapia, o rimedi topici come l’applicazione dell’acido salicilico.

Come migliorare con una corretta alimentazione?

Anche l’alimentazione può aiutare il decorso delle verruche: il motivo è legato al potenziamento del sistema immunitario, che può trarre enormi benefici da una dieta sana e controllata. Quali sono gli alimenti che possono dare una mano e aiutare a combattere il Papilloma Virus Umano? Ad esempio la papaya, un frutto ricco di sostanze anti-ossidanti dalle mille proprietà benefiche. Insieme alla papaya troviamo la curcuma: si tratta di una spezia che contiene una sostanza specifica, nota come “curcumina”. Quest’ultima riesce ad aiutare il sistema immunitario a schermarsi contro il virus del Papilloma, anche stavolta per merito delle sue proprietà anti-ossidanti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

PUBBLICITA’ »

Colacem

Scarica l’App Molise Network »

PUBBLICITA’ »

error: Content is protected !!