VENAFRO – “Un pomeriggio al Castello: tra storia e arte”, successo per i percorsi di alternanza scuola-lavoro del “Giordano”

un pomeriggio al Castello tra storia e arte
5x1000 Neuromed
Panificio Di Mambro Venafro
Assicurazioni Fabrizio Siravo
franchitti interiors

SCUOLA – “Un pomeriggio al Castello: tra storia e arte” ha visto l’Istituto “A. Giordano” in prima linea, in collaborazione con il MIBACT, il Polo Museale del Molise ed il patrocinio del Comune di Venafro, nella proposta di un progetto culturale, che ha suggellato la presenza incisiva della scuola e della formazione nella vita della città.

Gli studenti del Giordano hanno offerto, per il secondo anno, una rievocazione storica del ‘500, secolo in cui la Venafro dei conti Pandone, e di giuristi e intellettuali quali Antonio Giordano, ha costituito uno snodo significativo nel più vasto panorama della storia italiana ed europea del Rinascimento.

Abiti, musiche e danze d’epoca hanno arricchito la presentazione dei percorsi di Alternanza Scuola Lavoro, che si sono tradotti nella elaborazione di un documento: “Diomede, Venere e la fondazione di Venafro”, coordinato dall’Architetto Franco Valente e dai docenti tutor dei percorsi di Alternanza.

Una mostra fotografica sull’Abbazia di S. Vincenzo al Volturno ha completato la ricca cornice dei lavori, che hanno qualificato i ragazzi del Giordano protagonisti attenti e appassionati di un modo nuovo di fare cultura, in una società della conoscenza e delle competenze tecniche, di cui gli stessi si sono rivelati eccellente espressione.

Pregevoli gli interventi della Direttrice del Castello dott.ssa Irene Spada, del dott. Lanese in rappresentanza dell’Ufficio Scolastico Regionale del Molise, del Sindaco di Venafro Antonio Sorbo, del neo assessore e vice presidente della giunta regionale ingegnere Vincenzo Cotugno, dell’Architetto Franco Valente, della Dirigente dell’ISISS “A. Giordano”, prof.ssa Rossella Simeone.

“I luoghi della cultura vanno vissuti, ed è quello che siamo riusciti a fare oggi grazie ai nostri ragazzi che hanno portato a termine un percorso di alto spessore storico-culturale, guidati dalle loro professoresse e dall’architetto Franco Valente che è riuscito a creare le condizioni migliori perché, alla fine, si arrivasse a un risultato straordinario non soltanto sotto il profilo didattico”. Così la preside Rossella Simeone ha concluso l’evento.

Di qualità gli interventi degli studenti, che hanno interloquito con l’Architetto Valente sulla suggestiva ipotesi della fondazione della città di Venafro da parte dell’eroe greco Diomede, e sulla altrettanto stimolante idea dell’origine del nomen omen Venafro da Venere, per la bellezza e l’ubertosità del sito atto alla generazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

PUBBLICITA’ »

franchitti interiors
Colacem

PUBBLICITA’ »

Scarica l’App Molise Network »

franchitti interiors
Colacem
error: Content is protected !!