SANITA’ – Caso di neurochirugia, si riapre il conflitto sulla riorganizzazione ospedaliera attuata dal precedente governo regionale

Cardarelli Campobasso
sanificazione disinfezione pulizia venafro isernia
eventi tenuta santa cristina venafro
ristorante il monsignore venafro
Maison Du Café Venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
pasta La Molisana
Smaltimenti Sud
faga gioielli venafro isernia cassino

CAMPOBASSO –  L’ultima vicenda che ha riaperto il problema della sanità in Molise e al Cardarelli di Campobasso legata al reparto di neurochirurgia ha risollevato il polverone politico. E i Cinque stelle, con il consigliere De Chirico, che ieri sono intervenuti energicamente su un caso presso il nosocomio regionale per un ricovero di pronta emergenza sottolineano.

“La scelta di Frattura di chiudere il reparto Neurochirurgia dell’ospedale di Campobasso – osserva De Chirico –  si sta rivelando un fallimento oltre le aspettative. La scelta che sembrava in parte obbligata ha origine sì da specifiche tecniche imposte da una legge sovraordinata ma decade ora nel fondamento base di quella stessa legge, cioè garantire livelli qualitativi appropriati e sicuri nell’erogazione della prestazione sanitaria.

D’altronde lo raccontava lo stesso Frattura 15 mesi fa per giustificare la riorganizzazione che avrebbe previsto la futura disattivazione dell’Unità operativa complessa di Neurochirurgia a Campobasso in virtù della presenza ad alta specializzazione dell’Istituto Neuromed a Pozzilli:

“Un modello che garantirà condizioni di maggiore sicurezza per il paziente con un aumento della qualità degli interventi sia in regime ordinario sia in quello di emergenza”. Nello specifico questo modello doveva porre le basi su una convenzione Asrem-Neuromed (‘protocolli operativi’ li chiamava) per la gestione dei trasferimenti verso Pozzilli dei pazienti con patologie neurochirurgiche e con traumi cranici; la convenzione sembra esista ma ad oggi è ancora sconosciuta nei dettagli.

Le denunce di molti sin da quel giorno riguardavano soprattutto il ritardo conseguente al trasferimento del paziente che di fatto può pregiudicare le possibilità di sopravvivenza. Ma quello che è accaduto due giorni fa, e che sembra accada spesso quando a dover essere trasferiti sono i pazienti ultraottantenni o con Alzheimer, aggiunge elementi per denunce più corpose, anche per la Procura.

Si è tenuto conto – aggiungono i pentastellati –  in questa convenzione di cosa fare nel caso in cui, nonostante la presenza di neurochirurghi al Cardarelli, né in Neuromed né nelle strutture fuori regione ci possa essere disponibilità di posti letto in rianimazione per il paziente da trasferire? Perché il medico reperibile del Neuromed non è corso al Cardarelli come sembra sia previsto dai protocolli? È vero che molto spesso si verifica che per i casi disperati il posto letto al Neuromed non c’è? È vero che, come ci dicono in molti, al Neuromed non prendono in carico i casi disperati per il rischio di alterare le statistiche di efficienza in base alle quali vengono giudicati nel contesto nazionale rispetto ai concorrenti? Perché la struttura sanitaria del Cardarelli si è adoperata solo dopo l’ordine di Sosto (Direttore Asrem), richiamato dall’intervento dei due consiglieri regionali M5S? È da considerarsi contro gli ordini di servizio l’operazione vitale all’ottantenne con Alzheimer?”

C’è l’appello al neopresidente Toma.

“Al Presidente Toma invece chiederei, perché non strappi subito la convenzione visto che gli standard di sicurezza previsti dalla legge non sono assolutamente rispettati e i fatti di due giorni fa hanno creato un precedente vitale e imbarazzante per Sosto e il personale ospedaliero? Fino al 31 dicembre 2018, data di scadenza del commissariamento, il nuovo Commissario ad acta per la Sanità non può assolutamente essere Toma visto che in Giunta siede un potenziale conflitto di interessi ora ancor di più insostenibile”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
panettone artigianele natale di caprio
panettone di caprio
venafro farmaciadelcorso glutenfree
faga gioielli venafro isernia cassino

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

venafro farmaciadelcorso glutenfree
faga gioielli venafro isernia cassino
panettone artigianele natale di caprio
colacem
panettone di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: