ECONOMIA – Riforma UE, 2.4 miliardi in più all’Italia rispetto al 2014-2010. Giaccari di Confindustria: “Riflettere meglio sulla situazione socio-economica del territorio”

Massimo Giaccari
ristorante il monsignore venafro
DR 5.0 Promozione
Smaltimenti Sud
DR F35 Promozione
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
pasta La Molisana
eventi tenuta santa cristina venafro

CAMPOBASSO – Il Presidente di Confindustria Molise commenta la recente decisione della Commissione europera di aumentare la dotazione finanziaria all’Italia.

Massimo Giaccari: “L’Europa è imprescindibile, possiamo criticarla per quello che non fa, per la lentezza delle sue decisioni, ma non mettiamo in discussione il principio che solo insieme potremo continuare a generare benessere e coesione sociale.

Per questo, abbiamo letto positivamente la proposta fatta qualche giorno fa dalla Commissione europea sull’uso e la distribuzione dei fondi di coesione nel quadro del bilancio comunitario 2021-2027.

Nella proposta, che andrà approvata dal Consiglio e dal Parlamento, l’Italia vede aumentare la sua quota, rispetto al periodo precedente: 38,6 miliardi per il 2021-2027, pari quindi a 2,4 miliardi in più dei 36,2 dell’attuale periodo 2014-2020.

L’incremento delle risorse per il nostro Paese, contenuto nella proposta di riforma dei fondi di coesione presentata dalla Commissione Ue, deriva, soprattutto, dall’alto tasso di disoccupazione (in particolare giovanile) registrato in Italia. Pur restando il principale criterio per l’assegnazione dei fondi, l’esecutivo vorrebbe infatti che il Pil fosse affiancato da nuovi criteri capaci di “riflettere meglio la situazione socio-economica sul terreno”, come la disoccupazione, l’integrazione dei migranti o la lotta al cambiamento climatico.

Situazione opposta, invece, per Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia e Ungheria, che subiranno una sforbiciata fra il 24% e il 22%. Bruxelles assicura che il taglio è dovuto alla crescita economica che in questi stati è riuscita ad assicurare proprio la politica di coesione, ma in Ungheria e Polonia c’è chi parla di una punizione per chi non si è allineato alla linea dell’accoglienza per i migranti.

Su questi temi Confindustria auspica un impegno serio e responsabile dei nostri Parlamentari, affinché anche in una piccola regione come il Molise possa crescere il sentimento europeista, unitamente ad una visione globale dell’Europa come il luogo più competitivo per l’industria e il luogo ideale per il lavoro, le persone e i giovani”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

Maison Du Café Venafro
Futuro Molise
colacem
faga gioielli venafro isernia cassino
panettone artigianele natale di caprio
panettone di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

faga gioielli venafro isernia cassino
Maison Du Café Venafro
panettone di caprio
panettone artigianele natale di caprio
colacem
Futuro Molise

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: