LAVORO – Poste italiane, nè assunzioni nè stabilizzazioni in Molise

Blackberries Venafro
5x1000 Neuromed
Panificio Di Mambro Venafro
Assicurazioni Fabrizio Siravo

CAMPOBASSO – Nessuna assunzione o stabilizzazione di precari o part time di personale per il futuro in Molise.

Fuori pertanto dall’accordo del 13 giugno scorso, a Roma dove è stato firmato un accordo tra le OO.SS. di categoria e Poste Italiane. L’Azienda si è impegnata ad assumere, infatti, nei prossimi tre anni ben 6.000 unità. Di queste, la metà saranno rappresentate dalla trasformazione di contratti part time in contratti full time. Un’altra fetta sarà ad appannaggio di giovani laureati che entreranno in Poste con un contratto a tempo indeterminato e, un’altra fetta ancora, sarà la stabilizzazione di giovani che attualmente lavorano con contratti di lavoratori interinali a tempo determinato. Già nel 2018 ci saranno centinaia di provvedimenti nel merito.

Ebbene, come evidenzia il segretario generale della Slc Cgil Luigi De Francesco, al Molise è stato negato tutto. In verità lo stesso trattamento è stato riservato anche all’Abruzzo.

“Ma la nostra regione, nonostante la necessità, è stata addirittura cancellata. A nulla è valso lo sciopero generale del 1^ giugno scorso. Il Molise, per Poste Italiane, non esiste più. E così ci troviamo alle prese con ulteriori razionalizzazioni estive. Per garantire le ferie estive, si continuano a chiudere uffici, o a giorni alterni o nel turno pomeridiano. Ma trasformazioni da part time in full time, ZERO! Assunzioni, ZERO! Trasferimenti in entrata, ZERO! A fronte di tutto ciò abbiamo uffici periferici senza personale, zone di recapito non servite regolarmente, turni viaggianti accorpati per mancanza di autisti. E abbiamo una serie di pressioni commerciali, nella Filiale di Campobasso, oramai insostenibili”.

Per questo motivo la SLC CGIL, annuncia di continuare sulla strada di un percorso conflittuale che, nelle prossime settimane, porterà a nuovi scioperi, anche nel recapito!

Ma da soli non possiamo farcela. Quindi, come SLC CGIL, abbiamo chiesto l’aiuto del Consiglio Regionale”

All’appello hanno aderito i consiglieri Filomena CALENDA, Micaela FANELLI, Vittorio NOLA e Eleonora SCUNCIO che hanno promesso in Consiglio regionale di presentare una mozione trasversale, a firma congiunta, da presentare all’attenzione dello stesso consesso consiliare.

“Tutto ciò per impedire – conclude De Francesco –  che Poste Italiane continui in questo scempio ai danni del Molise e che riveda immediatamente le proprie posizioni nel merito. Inoltre contiamo di interessare i Parlamentari eletti in Molise affinché possano arrivare anche ad una interrogazione parlamentare”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

PUBBLICITA’ »

Colacem

Scarica l’App Molise Network »

PUBBLICITA’ »

error: Content is protected !!