CRONACA – Multa sparita, ai domiciliari un sottoufficiale della Capitaneria di porto e un commerciante

5x1000 Neuromed
Assicurazioni Fabrizio Siravo
Blackberries Venafro
Panificio Di Mambro Venafro

TERMOLI – Una multa di 25 mila euro elevata dalla Capitaneria di porto di Termoli e sparita da quest’ultima per un pescato  fuori norma trovato in possesso di un commerciante pugliese.

Verbale, come è stato sottolineato dal comandante della stessa Capitaneria Francesco Massaro, sottratto agli uffici di quest’ultima successivamente ricostruito attraverso una lettura digitale a ritroso e incrocio dati partendo dall’Ingiunzione  di pagamento, anch’essa non trovata, nel gennaio di quest’anno.

Da qui le indagini della Capitaneria e in parte della Guardia di Finanza di Larino su ordine della Procura frentana coordinata dal dott. Antonio La Rana che hanno condotto, dopo 5 mesi di accurate verifiche, agli arresti domiciliari un sottoufficiale 44enne della Guardia costiera termolese e un commerciante di pesce pugliese.

Per altre 3 persone si indaga per corruzione e omissione e occultamento del segreto d’ufficio.

I reati contestati ai primi due sono, invece, e da qui sono scattate le notifiche dei “domiciliari”, di falso per sottrazione o occultamento di documenti. Questo è quanto emerso e  dichiarato nel corso di una conferenza stampa tenuta dalla Procura di Larino nel pomeriggio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

PUBBLICITA’ »

Colacem

Scarica l’App Molise Network »

PUBBLICITA’ »

error: Content is protected !!