MOLISANI NEL MONDO – Oriundi molisani ritornano per la conoscenza delle loro origini e lingua

Smaltimenti Sud
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
vaccino salva vita
mama caffè bar venafro
pasta La Molisana

CAMPOBASSO – Molisani nel mondo, ci sono anche corregionali che si distinguono per le grandi doti di umanità solidarietà e di sacrificio a disposizione degli altri.

Qualità che sono messi in evidenza costantemente anche da organi di informazione estera di larga eco. Mentre molti altri ritornano per scoprire le loro origini e imparare o approfondire la lingua italiana.

Nell’ultimo numero del Corriere degli Italiani, settimanale pubblicato a Zurigo e diffuso tra le nostre comunità di emigranti presenti in Svizzera e nell’area meridionale della Germania, é stato dato spazio in prima e seconda pagina alle esperienze umanitarie di due missionari molisani che operano in Bangladesh e in Camerun, Padre Antonio Germano di Duronia e Don Antonio Mascia di Chiauci.

In occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato, svoltasi a Campobasso il 22 giugno scorso, l’ Associazione Giuseppe Tedeschi ha ritenuto utile approfondire una delle problematiche più complesse del momento avvalendosi della testimonianza straordinaria di due figure che hanno potuto riportare concretamente lo stato di disagio in cui versano milioni di esseri umani in Asia e in Africa, smontando l’assioma che aiutandoli teoricamente a casa loro se ne blocca il flusso. Sempre in questi giorni si è svolto un incontro operativo presso la sede di Campobasso con Jenifer Landor Marinelli, l’oriunda molisana di terza generazione nata a Chicago e poi trasferitasi a Londra che da 5 anni promuove ad Agnone, il paese di origine del nonno, Leonida Marinelli, il Progetto “LIVE AND LEARN ITALIAN”.

Un’ esperienza innovativa quest’ultima che richiama in Molise decine di oriundi italiani da tutto il Mondo, di quarta o quinta generazione, per partecipare ad un percorso di apprendimento della lingua italiana e degli usi, delle tradizioni popolari, della storia e della cultura locale. Jenifer in cinque anni, senza accedere ad alcun intervento di sostegno, ha promosso decine di corsi accogliendo in modo mirato e selettivo centinaia di turisti incuriositi di conoscere le origini delle proprie famiglie.

“Un’intuizione brillante che può essere ulteriormente valorizzata a vantaggio di altre comunità molisane per moltiplicarne le ricadute in termini economici, turistici e occupazionali – dichiarano Elisabetta Brunetti Anna Spina e

Roberta Iacovantuono  del Circolo Auser – Su questi temi, l’Associazione Padre Giuseppe Tedeschi – si è posta a disposizione di Jenifer per promuovere e diffondere un format semplice, sostenibile e brillante”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Natale
colacem
Follie Italia Isernia

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
Follie Italia Isernia
maison Du Cafè Venafro Natale

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

fabrizio siravo assicurazioni
esco fiat lux
error: