ISERNIA – Cambio al vertice in Questura, i saluti ufficiali del Questore Borzacchiello

eventi tenuta santa cristina venafro
DR 5.0 Promozione
DR F35 Promozione
Maison Du Café Venafro
ristorante il monsignore venafro
Smaltimenti Sud
pasta La Molisana
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
faga gioielli venafro isernia cassino

QUESTURA – Il Questore di Isernia dott. Ruggiero Borzacchiello tra pochi giorni lascerà il capoluogo pentro per un nuovo incarico a Chieti.

Questa mattina, presso la Questura di Isernia, i saluti ufficiali, un’occasione per tracciare un bilancio delle attività svolte dal giorno del suo insediamento, il 16 maggio 2016. Due anni ricchi di attività e operazioni, durante i quali gli arresti sono addirittura triplicati, caratterizzati da una forte collaborazione con la Prefettura, la Procura della Repubblica, gli enti locali e tutta la cittadinanza.

 “Un dato confortante quello di aver triplicato gli arresti sul territorio, – ha affermato Borzacchiello – il che significa che c’è stato anche un discorso che va al di là del semplice controllo del territorio ma che ha comportato anche un’attività di polizia giudiziaria classica e che ha portato ad operazioni rilevanti. Ad esempio la liberazione della donna segregata in casa da tempo, abbiamo sgominato un’organizzazione composita di soggetti dediti all’usura e all’estorsione, cosa che magari che non era stato mai fatto in questi territori, abbiamo fatto uno dei più ingenti sequestri di sostanze stupefacenti a Venafro con il sequestro anche di numerosi armi. Questo vuol dire che hanno lavorato i ragazzi dediti alla polizia giudiziaria proprio per cercare di assicurare maggiore sicurezza alla collettività”.

Lavoro prezioso anche quello della Divisione Anticrimine, una collaborazione che ha evitato infiltrazioni da parte di organizzazioni criminali provenienti da altre regioni.

Un capitolo a parte quello dei migranti, un fenomeno di grande valenza per un territorio così piccolo come quello della provincia di Isernia. Anche in questo caso, l’importante collaborazione tra la Questura pentra e gli enti preposti ha fatto sì che tutto sia rimasto nei limiti della legalità nonostante qualche piccolo episodio.

“La gestione dei migranti è stato un fenomeno che per questo territorio non mi aspettavo fosse così composita e sentita, – ha detto il Questore – diciamo che abbiamo cercato sempre nei limiti quello che poteva essere la convivenza di immigrati sul territorio. C’è stato un punto di massima l’anno scorso con la presenza di quasi 2000 immigrati sparsi per tutta la provincia, siamo riusciti ad evitare situazioni di conflittualità che potessero poi generare altre problematiche. Un lavoro notevole nonostante ci siano stati episodi come la rissa tra diversi immigrati di diverse etnie ma tranne fenomeni limitati di spaccio di stupefacenti, parliamo di poche quantità, ritengo che la situazione sia stata monitorata sia dalle Forze dell’Ordine che dai vari enti”.

Da non sottovalutare l’impegno della Polizia in questo periodo per far sentire al sicuro la comunità, anche attraverso applicazioni e progetti, come il software Eva contro violenza e stalking, l’applicazione YouPol per denunciare episodi di bullismo e spaccio e il più recente progetto Tablet per velocizzare le operazioni degli agenti. L’unica cosa che ancora manca è la videosorveglianza, un metodo per rendere ancora più sicuro e vivibile il territorio.

“La videosorveglianza è fondamentale, – ha spiegato Borzacchiello – riguarda non solo la sicurezza in sé per sé ma anche la vivibilità della collettività, avere un occhio vigile per strada è fondamentale. Fa da deterrente in primo luogo e in secondo luogo ci dà la possibilità di poter risalire a quelli che sono gli autori di quei reati che suscitano insicurezza alla collettività”.

“All’atto del mio insediamento – ha concluso – dissi che questa era un’esperienza importante, esaltante perché era la mia prima esperienza da Questore della provincia di Isernia. Ritengo che si sia mantenuta tale perché i risultati conseguiti, l’affetto che sto ricevendo in questi ultimi giorni della mia presenza qui, testimonia che è stato svolto un buon lavoro. Ovviamente ringrazio i miei funzionari, tutto il personale che non si è mai tirato indietro in qualsiasi occasione, abbiamo affrontato situazioni di una certa importanza ma ho potuto constatare che l’impegno e la professionalità dei dipendenti della Questura non è mai venuto meno. C’è stata un’ottima collaborazione con altri enti, con il Prefetto con cui c’è stato uno scambio sinergico, con le altre Forze dell’Ordine, con gli enti locali, con il Sindaco, con la Procura della Repubblica, soprattutto con il dottor Albano con cui c’è stato un ottimo rapporto e anche con il nuovo Procuratore, il fatto di aver visitato i locali della Questura a pochi giorni dalla mia partenza ha dato un significato importante a quella che è l’attività che la Polizia di Stato effettua sull’attività di Isernia”.

A sostituire il questore Borzacchiello sarà Roberto Pellicone, dal 2015 ad oggi vicario nella Questura di Reggio Calabria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

venafro farmaciadelcorso glutenfree
colacem
Futuro Molise
panettone artigianele natale di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino
panettone di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
panettone di caprio
venafro farmaciadelcorso glutenfree
Futuro Molise
panettone artigianele natale di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: