TERREMOTO – Mobilitazione della Provincia “Mancano soldi per i controlli e i lavori a ponti e strade”

Palazzo magno provincia campobasso
Blackberries Venafro
Assicurazioni Fabrizio Siravo
5x1000 Neuromed
Panificio Di Mambro Venafro

CAMPOBASSO – Senza un euro in cassa con una rete viaria precaria e in alcuni casi disastrata compresi ponti viadotti e quant’altro.

Il presidente della Provincia Battista lancia l’allarme dopo i fatti di Genova e il sisma che sta interessando il Molise dal 14 agosto preannunciando una mobilitazione generale.

“Abbiamo 1.500 chilometri di strade – spiega  Battista – parzialmente compromesse dai tagli scriteriati che si sono succeduti negli anni e che di fatto ne hanno impedito quella manutenzione e riqualificazione che le avrebbero rese più sicure e facilmente percorribili. A questi mancati interventi si aggiungano anche i danni, spesso irreversibili, provocati da frane e smottamenti che pregiudicano la percorribilità di tante arterie che, talvolta, siamo stati obbligati a chiudere creando disagi alle popolazioni delle aree in questione. Il governo centrale non può più continuare ad ignorare il nostro appello perché, come ha sottolineato lo stesso presidente dell’Upi Achille Variati, le Province hanno in gestione 130mila chilometri di strade e circa 30.000 tra ponti, viadotti e gallerie e i tecnici provinciali non possono più effettuare solo semplici controlli ‘a vista’ e, in caso di pericolo evidente chiudere le arterie o specifici tratti.

Una situazione – continua Battista – che ci ha visti costretti a depositare esposti alle Procure spiegando la situazione di emergenza e di crisi in cui si trovano i nostri territori, illustrando inoltre la nostra impossibilità di azione e soprattutto i probabili rischi a cui va incontro la popolazione. Al ministro Toninelli abbiamo spiegato le nostre enormi difficoltà, e l’urgenza di trovare fondi per la manutenzione e per i controlli al fine di scongiurare altre tragedie come quella di Genova. Servono un’azione rapida e stanziamenti congrui al patrimonio viario di cui siamo gestori. Ci faremo ancora una volta promotori delle esigenze di sicurezza della nostra gente, nella speranza che il Ministro possa incontrarci al più presto per stabilire, insieme, un’indispensabile tabella di marcia che delinei gli interventi. Ma non c’è più tempo da perdere: la sicurezza dei cittadini è un’assoluta priorità e non può più attendere”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

PUBBLICITA’ »

Colacem

Scarica l’App Molise Network »

PUBBLICITA’ »

error: Content is protected !!