VIABILITÀ – Comitato Liscione Sicuro, lettera al Governo: “Interventi urgenti per la messa in sicurezza del viadotto”

diga del liscione
franchitti interiors
Black&berries Venafro
5x1000 Neuromed
Assicurazioni Fabrizio Siravo

LISCIONE – Una lettera aperta al presidente della Regione Molise Donato Toma, al premier Giuseppe Conte e al ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli per chiedere la messi in sicurezza del Liscione.

I rappresentanti del Comitato “Liscione Sicuro”, che in pochissimo tempo tramite Facebook ha raggiunto tantissimi iscritti, hanno deciso di rivolgersi direttamente al Presidente del Consiglio per la verifica del viadotto del Liscione e delle infrastrutture ad esso connesse. Come spiegato nella lettera, il gruppo è nato per sollecitare gli organi regionali a tenere fede a quanto stabilito dopo la sigla del Patto per il Molise nel 2016 sul tema della tutela del territorio, che prevedeva proprio il collaudo e messa in sicurezza dell’invaso del Liscione.

L’obiettivo è quello di richiamare l’attenzione delle autorità competenti sullo stato della diga del Liscione e su quello del viadotto che attraversa il Lago di Guardialfiera, opera risalente all’inizio degli anni ’70, fondamentale per collegare il centro della Regione con la costa Adriatica, anche per l’assenza d’una rete ferroviaria decente e per la tortuosità delle strade alternative.

“L’immane tragedia di Genova e il fenomeno tellurico che ci ha interessato nei giorni di ferragosto – scrivono – hanno acuito e amplificato la preoccupazione, la paura e l’ansia di tutti noi molisani perché consapevoli da anni della criticità di quell’arteria. Il problema principale che ci attanaglia, oltre alla condizione effettiva della struttura del viadotto (che probabilmente non si conosce fino in fondo e che non vogliamo evocare per evitare allarmismi),  è la possibilità purtroppo reale che un evento grave simile a quello attuale possa provocare, in futuro, la chiusura del viadotto impedendoci il transito, cosa che spezzerebbe, ripetiamo, l’unico collegamento percorribile tra il Basso Molise e il resto del territorio, caratterizzato come purtroppo constatiamo ogni giorno da una rete stradale impraticabile che ci rende la vita difficile”.

“Liscione Sicuro” chiede, dunque, verifiche e controlli sulle reali condizioni di conservazione dei materiali del viadotto, soprattutto di quelli delle basi sommerse dei piloni e un tavolo di confronto con il Governo Nazionale, con l’ANAS ed enti preposti per individuare le risorse e le soluzioni progettuali più idonee a realizzare, con procedura d’urgenza, una strada a mezza costa collocata sul versante di Guardialfiera che colleghi il bivio di Lupara con l’area dell’ex Zuccherificio del Molise.

“Una soluzione simile – si legge ancora nella lettera – venne concordata tra l’allora Presidente della Regione Molise Giovanni Di Stasi, il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Enrico Micheli e il Presidente dell’ANAS Giuseppe D’Angiolino. Nel corso di un incontro tenuto a Palazzo Chigi nel 2001 fu previsto un intervento, cofinanziato dal Governo nazionale e dalla Regione Molise, per la realizzazione di una strada a mezza costa sul versante di Guardialfiera”.

“Ci rendiamo conto delle difficoltà da superare per raggiungere gli obiettivi che proponiamo, – concludono – ma siamo sicuri che la consapevolezza del pericolo sia troppo grande da parte di tutti, il nostro gruppo è cresciuto di 1500 adesioni in poche ore, per non prendere provvedimenti seri in merito. Sig. Presidente, un incontro, che siamo certi ci vorrà concedere per approfondire l’argomento, ci consentirà di conoscere la Sua posizione sulla nostra proposta e di programmare in tal modo le nostre iniziative future”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

PUBBLICITA’ »

franchitti interiors
Colacem

Scarica l’App Molise Network »

PUBBLICITA’ »