TERREMOTO – La Cgil chiede la messa in sicurezza del territorio

franco spina
pasta La Molisana
Maison Du Café Venafro
ristorante il monsignore venafro
DR 5.0 Promozione
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
DR F35 Promozione
Smaltimenti Sud
faga gioielli venafro isernia cassino
eventi tenuta santa cristina venafro

CAMPOBASSO – Viabilità e quindi una mobilità adattata al momento contingente molto particolare e revisione totale della programmazione regionale che deve rivolgersi alla riconfigurazione infrastrutturale e alla bonifica mirata del territorio anche alla luce di eventi che fin’ora hanno devastato il Molise e che certamente non finiranno qui.

La Cgil interviene su questa problematica rivelatasi critica negli ultimi giorni causa i collegamenti esistenti in regione.

Franco Spina segretario regionale organizzativo puntualizza

“Modifica degli orari autobus da e verso la zona industriale di Termoli giusta e doverosa alla luce di quanto accaduto, ma adesso si proceda con un piano straordinario sulla messa in sicurezza del territorio e delle infrastrutture. La modifica degli orari comunicati dalla società di trasporto Sati da e verso la zona industriale di Termoli è un provvedimento giusto e doveroso preso dopo le tante segnalazioni fatte da molti di noi sulle difficoltà dei lavoratori nel raggiungere in orario il proprio posto di lavoro. Non sfuggirà comunque, che ci sono anche cittadini e altre maestranze che necessitano di un sistema di mobilità pubblico che dia altrettante certezze sui tempi: ad esempio, chi deve sostenere visite mediche programmate nei plessi ospedalieri e non, chi deve recarsi a Termoli per raggiungere la stazione e prendere un treno, i pendolari che devono raggiungere puntualmente gli uffici pubblici. Occorre in questa fase un’attenzione particolare che chiediamo alla Regione oltre che ai vettori”.

E’ necessario considerare altre ipotesi di collegamento

“La chiusura, se pur temporanea, ci auguriamo, del viadotto Liscione, ha compromesso la viabilità dal medio Molise verso il basso Molise e viceversa, con ripercussioni e disagi forti. Affrontare la vecchia statale ad esempio è un’impresa immane, il traffico merci, quello passeggeri oltre al traffico privato e locale, intasano oltre modo una strada vetusta. È di ieri infatti, la notizia di interventi dei vigili del fuoco per rimettere in carreggiata tir pericolosamente circolanti sulla vecchia statale. Una strada concepita in un’altra epoca e con altre esigenze che vede ancora opere di miglioramento viario avviate e abbandonate. Per questo motivo, vogliamo ritornare sulla necessità che la Regione e il Governo nazionale attraverso l’Anas nelle loro programmazioni facciano finalmente chiarezza su quali opere debbano essere finanziate e/o completate.

Spina chiede di svoltare rispetto al passato e richiesta dello stato di emergenza. Spina conclude

“Troppe incompiute, troppi progetti concepiti 30/40/50 anni fa ma mai realizzati o completati. È giunto il momento per lo Stato e per la Regione di dimostrare la volontà concreta di svoltare rispetto alle politiche del passato, adesso non ci sono alibi. Noi abbiamo proposto a suo tempo ad esempio sul patto per il Molise, alcune idee e soluzioni compatibili con il fragile territorio e condivisi in parte dal tavolo istituzionale, ma se ai proclami e alle condivisioni non seguono i fatti, altro che svolta, tra qualche anno il Molise non avrà più la forza di rialzarsi; soggetti come siamo a possibili terremoti, alluvioni e frane. Il territorio è la sua messa in sicurezza prima di tutto, così come garantire il diritto allo studio in strutture sicure deve essere una priorità. La richiesta di stato di emergenza e le eventuali risorse e agevolazioni che ne potranno derivare, dovranno servire per le opere utili, per un progetto organico di riqualificazione. Oggi più che mai vanno evitati sperperi di denaro come avvenuto nel passato. Investimenti mirati che generano tutela, messa in sicurezza e opportunità di lavoro. Così come è giunto il momento di definire con chiarezza l’organizzazione che si vuole dare al sistema di prevenzione, monitoraggio e controllo del territorio regionale a partire dalla riorganizzazione della Protezione Civile e del recupero delle professionalità lavorative pur presenti”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

panettone di caprio
colacem
faga gioielli venafro isernia cassino
panettone artigianele natale di caprio
Futuro Molise
venafro farmaciadelcorso glutenfree

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

venafro farmaciadelcorso glutenfree
faga gioielli venafro isernia cassino
panettone artigianele natale di caprio
Futuro Molise
panettone di caprio
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: