TERREMOTO – La consigliera Calenda: “Dobbiamo attivarci affinché ogni sfollato abbia un tetto sicuro sulla testa”

Filomena Calenda
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
ristorante il monsignore venafro
pasta La Molisana
Smaltimenti Sud
Banca di credito cooperativo Isernia
eventi tenuta santa cristina venafro

CAMPOBASSO – Situazione difficile in Basso Molise a causa delle continue scosse di terremoto, in molti hanno dovuto abbandonare la propria casa tra disperazione e paura.

Sulla questione è intervenuta la consigliera regionale di “Noi con Salvini”, Filomena Calenda, la quale auspica al più presto di trovare una soluzione per gli sfollati, affinché possano tornare a vivere in case sicuro, e soprattutto sollecita per controlli sempre più mirati agli edifici per controllarne la stabilità.

Dal 14 agosto il Molise vive in uno stato di ansia, – ha detto la Calenda –  i territori colpiti dal sisma sono in piena emergenza, interi quartieri dei nostri piccoli centri sono stati transennati e gli sfollati sono in continuo aumento, Architetture che raccontano la storia del nostro glorioso passato sono in ginocchio di fronte all’amara realtà, alla forza incontrollabile e distruttiva della natura. I simboli delle nostre comunità, i campanili, sono a rischio crollo, le abitazioni lesionate, edifici nevralgici gravemente danneggiati, molte le scuole dichiarate non agibili, ma fortunatamente non abbiamo pianto vittime. Questo però non può farci assopire sulla fatalità, non possiamo affidare il destino dei nostri territori alla sorte. La terra continua a tremare e in previsione della stagione invernale ormai vicina, non possiamo permettere ai nostri concittadini di vivere ancora sotto un telone azzurro.

C’è necessità di superare prontamente il trauma del terremoto e attivarci affinché in tempi rapidissimi ogni sfollato abbia un tetto sicuro sulla testa. Abbiamo tutti preso coscienza di quanto sia rischioso vivere in zone vulnerabili. È chiaro che la cura del danno è economicamente di gran lunga superiore alla prevenzione dello stesso. Le zone del Basso Molise sono oggi considerate ‘cratere’ e per questo necessitano di un piano strategico di interventi. Non possiamo non essere consapevoli che l’intero territorio molisano è purtroppo soggetto a continue sollecitazioni sismiche più o meno gravi. Tra le amare continue constatazioni c’è anche la condizione delle zone classificate con un elevato rischio sismico, quelle disegnate di viola sulle cartine della sismologia internazionale.

Tantissimi sono gli edifici, pubblici e privati, che non garantiscono una reale sicurezza, vuoi perché costruiti in passato quando non erano stati ancora stilati i piani per la sicurezza abitativa secondo le norme antisismiche, vuoi perché le regole dell’antisismicità sono in continua evoluzione. Intanto non ci possiamo permettere di aspettare che un altro evento sismico ci costringa ad intervenire a posteriori. Non abbiamo la sfera di cristallo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
panettone di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino
Maison Du Café Venafro
panettone artigianele natale di caprio
Futuro Molise

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
panettone artigianele natale di caprio
panettone di caprio
faga gioielli venafro isernia cassino
Futuro Molise
Maison Du Café Venafro

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: