ZUCCHERIFICIO – Una ex lavoratrice scrive al presidente Toma

Zuccherificio del Molise
Panificio Di Mambro Venafro
5x1000 Neuromed
Assicurazioni Fabrizio Siravo
Blackberries Venafro

CAMPOBASSO – Zuccherificio e soprattutto lavoro, diretto e indotto e soprattutto scomparsa di un fiore all’occhiello di uno dei prodotti agroalimentari di alta eccellenza condotti in Molise attraverso la coltivazione della barbabietola da zucchero che dava occupazione e quel minimo di  reddito per campare e soprattutto la tenuta di una dignità sociale insieme ad altre componenti dello stesso comparto anch’esse annullate da politiche scellerate e soprattutto l’azzeramento di tutte quelle belle idee che ci venivano propinate qualche anno fa quando si diceva che alla produzione dello zucchero si sarebbero aggiunti derivati di quest’ultimi, prodotti innovativi per altro uso anche nella chimica farmaceutica.

Zero assoluto, azienda sfasciata, fallita, fabbrica che ora si vende a pezzi, lavoratori che chiedono almeno una ricollocazione dopo la perdita di ogni beneficio previdenziale e finanziario, agricoltura connessa che si sposta su altre colture di piccolo cabotaggio mercantile insomma tanto per campare o fare reddito familiare. E i dipendenti… scrivono al presidente della Giunta Donato Toma che si trova tra le mani questo ennesimo “petardo” raccolto dal passato. Una dipendente, che comunque avremmo voluto che si firmasse per rispetto di tutti, del Comitato dei lavoratori dello Zuccherificio osserva.

“Presidente, lo sappiamo che tu non c’entri nulla ma  qual è il suo progetto per il lavoro? Se lo stanno domandando in tanti. Perché non ricollocate lavoratori come noi, nelle vostre partecipate? O almeno, perché non create degli scivoli dignitosi per i più anziani? I soldi ci sono, qual è il tuo progetto per lo sviluppo? Quando si passa dai facili slogan, ai fatti? Basta campagna elettorale, ora di agire. Il tempo è tiranno, se davvero ci sono 70 milioni di euro, perché non li utilizzi, visto che è possibile farlo? Cosa stai facendo per recuperare gli 11 milioni di euro bloccati all’Inps che servono, soprattutto, ai soggetti nella nostra situazione? Perché non fate un nuovo piano di inclusione sociale che tenga conto di noi ex maestranze dello Zuccherificio? Se non c’è nulla per noi ce lo dica chiaro. BASTA PROCLAMI! La campagna elettorale è finita. Ora ci vogliono AZIONI CONCRETE. Noi vogliamo riacquistare la nostra dignità, che voi politici ci avete levato”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

PUBBLICITA’ »

Colacem

Scarica l’App Molise Network »

PUBBLICITA’ »

error: Content is protected !!