MOLISE DATI – Visita dei Cinque stelle, solite note dolenti

mama caffè bar venafro
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
Smaltimenti Sud
pasta La Molisana

CAMPOBASSO – Cinque Stelle visita Molise Dati e denuncia.

La Partecipata, società in house, regionale ormai fa acqua da tempo da tutte le parti è questo quanto evidenziato dai consiglieri Nola e De Chirico che hanno intervistato un po’ di dipendenti all’interno dell’azienda e preso visione della carte che sono la storia dell’ente.

“Anni fa la società, da quanto si è appreso, è stata addirittura apprezzata come modello organizzativo anche da altre regioni, di fatto antesignana nel modello aziendale in quanto oggi, ogni Regione italiana, si avvale di un ente informatico ‘interno’ – spiega De Chirico –  Nel corso dell’incontro con tutti i vertici aziendali è venuto fuori, invece, che il processo di valorizzazione degli asset aziendali iniziato anni fa, e di cui avrebbero beneficiato tutti gli enti territoriali e le istituzioni molisane, anche dal punto di vista patrimoniale, è stato praticamente non solo interrotto ma completamente ribaltato.

Questo, per una volontà politica trasversale che sembrerebbe cozzare con i criteri di legittimità e soprattutto di economicità che un Ente pubblico è chiamato a rispettare. Notevoli sono le problematiche che la portano a vivere quasi da separata in casa in attesa, da oltre due anni, di normalizzare i rapporti economico-finanziari attraverso l’approvazione di una ormai necessaria e indispensabile nuova Convenzione e Carta dei Servizi.

Una situazione di notevole tensione finanziaria, causata dai cronici ritardi nei pagamenti da parte della Regione – prosegue De Chirico – verso la quale risultano ancora iscritti in bilancio crediti relativi a diversi anni addietro. Proprio a causa di questi crediti, la Molise Dati è stata costretta ad attivare un decreto ingiuntivo per l’importo complessivo di 5 milioni e mezzo di euro, circa.

Il bilancio d’esercizio 2017 è stato addirittura chiuso per forza di cose con una perdita di oltre 2 milioni. Parliamo sempre di soldi pubblici.

Negli ultimi anni è stata bypassata nelle attività per le quali è istituzionalmente preposta e ha ricevuto inspiegabili richieste di revoca dell’affidamento dei servizi come, ad esempio, quelli sul sistema gestione delibere e determine del Consiglio regionale. Sistema acquisito dalla Regione con regolare espletamento di gara Europea. E ciò è avvenuto subito dopo il cambio del Segretario generale.

I nuovi affidamenti fanno capo, peraltro, sempre alla stessa società privata (PA Digitale) che sta progressivamente espandendo la propria attività anche su dati pubblici sensibili della Regione Molise e che, di fatto, stanno generando una doppia gestione antieconomica del Sistema informativo regionale.

Vi terremo informati sugli sviluppi della nostra azione – conclude De Chirico – ma è chiaro che, migliorare attraverso Molise Dati la fornitura di servizi innovativi al Sistema Regione, consentirebbe prima di tutto di potenziare le infrastrutture elaborative di proprietà pubblica, come l’importante centro di calcolo che abbiamo ritenuto importante visitare, di attuare un programma di inserimento di nuove professionalità di alta specializzazione e di chiudere, una volta per tutte, una situazione di stallo che sta portando a perdere risorse finanziarie pubbliche, anche in termini di interessi passivi su debiti di matrice regionale e di spese legali su contenziosi e decreti ingiuntivi ‘in famiglia’.”

NOTA BENE DEL DIRETTORE

Sarebbe anche il caso che alle investigazioni e alle inchieste e denunce politico amministrative seguissero proposte serie e concrete da presentare in Consiglio, discusse in origine con il partenariato fuori da palazzo D’Aimmo  con la società civile e con tutte le forze sociali e politiche le più allargate possibile nel tentativo di trovare la massima convergenza su quelle che sono questioni di carattere generale ma molto delicate e sensibili che interessano anche e soprattutto i cittadini e le loro tasche. Altrimenti è pura demagogia, di quelli che si mettono sempre contro tutto su ogni argomento. Basta con questo modo di fare. Ne, abbiamo visto tanto in passato, costruiamo insieme  e andiamo verso il + , il positivo. Ci frega poco se il risultato arriva da tizio o sempronio o dai gialloverdi o dai giallorossi o dai neroazzurri o dai rossoblù o dai rossoneri o dai bianconeri o dai gialloblù etc. Il tempo che consumiamo per denunciare utilizziamolo per costruire e proporre il nuovo. Della serie scelto cotto e mangiato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Pasqua

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: