EVENTO – 80 anni dalle leggi razziali, “Serve moblitazione per combattere ogni tipo di razzismo”

pasta La Molisana
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
vaccino salva vita
mama caffè bar venafro
Smaltimenti Sud

CAMPOBASSO – Ottanta anni dalle leggi razziali quando nella residenza reale di San Rossore l’allora Re d’Italia, Vittorio Emanuele III senza alcuna remora, firmò l’entrata in vigore delle leggi raziali, allineando il nostro Paese alle tragiche scelte della Germania Nazista di Adolf Hitler.

In base a quelle norme migliaia di persone vennero private dei loro diritti elementari per il solo fatto che non appartenevano alla razza ariana, persero il posto di lavoro nella Pubblica Amministrazione, nelle scuole e nelle Università, gli portarono via le proprietà, gli esercizi commerciali e le imprese artigiane, vennero messe ai margini della società e perseguitate per il solo fatto di essere ebrei, rom o per avere la pelle scura.

Pseudo studiosi teorizzavano, con un ardire sconclusionato, il primato degli italiani e la loro presunta superiorità sulle altre razze perché ariani, giustificando in tal modo gli orrori commessi in Etiopia contro civili inermi, donne e fanciulli, e perpetrati dai fascisti contro ogni minoranza etnica, opposizione sociale o dissenso politico.

“Questa vergognosa pagina della nostra storia è stata rimossa con un’ipocrisia impressionante, è raro trovarla sui libri di storia, non viene ricordata in eventi culturali e la si fa scivolare ad una parentesi buonista del fascismo meno tetra della ferocia repressiva nazista spiega Michele Petraroia dell’Associazione Giuseppe Tedeschi – Quasi nessuno ricorda il campo di sterminio di Trieste, gestito direttamente dalle SS o i campi di internamento aperti anche in Molise oltre che nel resto d’Italia. Onde evitare che i mostri di quel periodo tornino a materializzarsi sotto nuove sembianze è indispensabile attrezzarsi sul piano culturale, promuovendo un percorso unitario contro ogni razzismo, discriminazione, persecuzione o violenza”

Il documento approntato recentemente a livello nazionale e condiviso da più associazioni rappresenta uno degli strumenti possibili per sostenere una mobilitazione popolare in difesa del principio sancito 70 anni fa nella Dichiarazione Universale dei Diritti Umani “Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza”.

“Questo auspicio – conclude Petraroia – potrà tradursi in pratica diffusa tra i cittadini solo se non si commette l’errore di sottostimare i rischi di una nuova ondata xenofoba che mina alle radici la democrazia in Europa e nel Mondo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
Follie Italia Isernia
maison Du Cafè Venafro Natale

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

Follie Italia Isernia
maison Du Cafè Venafro Natale
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

esco fiat lux
fabrizio siravo assicurazioni
error: