ISERNIA – Truffa on line, tre persone nei guai

squadra-mobile
vaccino salva vita
mama caffè bar venafro
Smaltimenti Sud
stampa digitale pubblicità black&barry venafro

CRONACA – Gli agenti della Squadra Mobile di Isernia hanno denunciato all’Autorità Giudiziaria 3 persone, di 42, 38 e 27 anni responsabili di truffa online ai danni di un 30enne di Isernia.

Il giovane isernino, aveva notato e optato per l’acquisto di uno smartphone di ultima generazione su una nota piattaforma e-commerce, in vendita ad un prezzo particolarmente vantaggioso.

Successivamente l’inserzionista ha chiesto all’acquirente di essere contattato privatamente e di concludere la trattativa al di fuori del sistema sicuro e affidabile del sito, facendosi versare un acconto di 300 euro mediante ricarica di una carta prepagata.

L’accordo iniziale prevedeva il pagamento in contanti della restante quota di 400 euro al corriere al momento della consegna del telefono cellulare.

Invece, il giorno successivo al versamento dell’acconto, il giovane era stato contattato telefonicamente da un sedicente corriere che aveva chiesto il versamento sulla stessa carta prepagata della somma restante, lasciando intendere che la consegna sarebbe avvenuta nell’imminenza del saldo della somma pattuita.

La consegna, in realtà, non è mai avvenuta: subito dopo il secondo versamento effettuato dalla vittima della truffa, il venditore si è reso irreperibile.

Le indagini effettuate dagli agenti della Polizia di Stato hanno consentito di appurare che dietro il raggiro c’erano i tre uomini, tutti di Taranto, che dovranno rispondere di concorso nel reato di truffa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
maison Du Cafè Venafro Natale
Follie Italia Isernia

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

maison Du Cafè Venafro Natale
Follie Italia Isernia
colacem

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

fabrizio siravo assicurazioni
esco fiat lux
error: