CAMPOBASSO – Consumo di droga, il Molise ai primi posti. Il Procuratore D’Angelo: “Accendiamo un faro su questo problema”

5x1000 Neuromed
Black&berries Venafro
Assicurazioni Fabrizio Siravo
franchitti interiors

DROGA – Sono dati allarmanti quelli forniti dal procuratore della Repubblica di Campobasso, Nicola D’Angelo, nel corso di una conferenza presso la sede dell’Ordine dei Giornalisti del Molise.

Un vero e proprio appello quello del Procuratore, rivolto alla platea di giornalisti presenti in sala e a tutte le istituzioni della regione: bisogna “accendere un faro su questo tema”. Di fatti, il problema della droga in Molise diventa sempre più diffuso e, se il numero di spacciatori tende ad aumentare, i tossicodipendenti sono sempre di più, tanto da far salire la piccola regione ai primi posti per il consumo di stupefacenti. Basti pensare che per il consumo di oppiacei sono 1300 le persone in trattamento ai Servizi per le dipendenze (Serd).

“Non c’è consapevolezza del fenomeno e della dimensione numerica del problema – ha detto D’Angelo – e questo avviene anche nelle famiglie. Ci sono mamme che chiedono di trattenere in carcere il figlio tossicodipendente perché in casa, ai domiciliari, il problema di presenta in tutta la drammaticità”.

I giovani a cadere nel vortice della tossicodipendenza sono sempre di più, la droga riesce addirittura a penetrare nelle scuole. Ma non finisce qui, infatti l’alto numero di tossicodipendenti richiama inconsapevolmente la criminalità organizzata: le mafie sono interessate a guadagnare e il Molise è per loro motivo d’attrazione.

“Bisogna scendere in guerra contro la droga, – ha concluso il Procuratore – per questo chiedo un arruolamento a tutti voi”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

PUBBLICITA’ »

Colacem
franchitti interiors

Scarica l’App Molise Network »

PUBBLICITA’ »