ISERNIA – Questione scuole, interviene il Pd: “C’è bisogno di un nuovo progetto di riorganizzazione dei plessi scolastici”

5x1000 Neuromed
Black&berries Venafro
Assicurazioni Fabrizio Siravo
franchitti interiors

SCUOLA – Si fa sempre più accesa la discussione circa il problema scuole ad Isernia, soprattutto dopo il posticipo del nuovo anno scolastico per alcuni edifici.

Sulla questione interviene anche la Federazione Provinciale del Partito Democratico di Isernia che esprime severi giudizi sull’operato dell’amministrazione d’Apollonio.

Le incertezze sull’inevitabile creazione dei due poli scolastici e i ritardi nella consegna dei locali alle scuole hanno di fatto impedito il regolare inizio delle lezioni, mettendo i dirigenti scolastici nelle condizioni di chiederne il rinvio. – si legge in una nota stampa del Pd – In mancanza di un progetto di riorganizzazione del sistema scolastico, il completamento dei lavori dell’edificio di San Leucio e il trasferimento della scuola media Giovanni XXXIII a San Lazzaro, hanno determinato l’assenza di scuole nel centro storico e nella zona di Corso Garibaldi, il sovraffollamento delle strutture esistenti, a scapito della sicurezza e della qualità del servizio, gravi conseguenze sulla economia della zona centrale della città.

Inoltre, non si sa ancora con certezza dove i bambini della scuola dell’infanzia del plesso ‘Calabrese’ completeranno l’anno scolastico né come il sindaco intenda utilizzare nel futuro le strutture esistenti (San Pietro Celestino, San Giovanni Bosco, Giovanni XXXIII, Andrea d’Isernia) in modo da riportarvi almeno gli alunni dell’infanzia e della primaria. Più in generale, non ha nessuna idea per la costruzione di un sistema integrato di istruzione da 0 a 6 anni né per attuare progetti a sostegno dell’autonomia scolastica.

Per questo motivo, il Partito Democratico agirà in modo che si apra in consiglio comunale e in città un confronto tra le forze politiche e sindacali, gli EELL e i genitori in modo da pervenire ad un progetto condiviso che, partendo dal dovere di ospitare gli alunni in scuole sicure, distribuisca i plessi scolastici in modo razionale tra le varie zone della città, anche in riferimento all’età degli alunni”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

PUBBLICITA’ »

Colacem
franchitti interiors

Scarica l’App Molise Network »

PUBBLICITA’ »