ISERNIA – Truffa sentimentale su Facebook per estorcere denaro, in tre nella rete della Polizia Postale

polizia postale
pasta La Molisana
DR 5.0 Promozione
ristorante il monsignore venafro
Smaltimenti Sud
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
Maison Du Café Venafro
DR F35 Promozione
eventi tenuta santa cristina venafro

CRONACA – Tre falsi profili Facebook per intrecciare relazioni sentimentali ed estorcere denaro al malcapitato, finiscono nella rete della Polizia Postale tre truffatori.

Questa mattina il personale della Sezione di Polizia Postale di Isernia, in collaborazione con la Sezione di Polizia Postale di Caserta ed i Compartimenti di Campobasso e Napoli, hanno eseguito la misura cautelare degli AA.DD. disposta dal G.I.P. del Tribunale di Isernia a carico di F.N., C.I. e C.R., due donne e un uomo, coniuge di una delle pervenute, residenti a Maddaloni ed indagati dalla Procura della Repubblica di Isernia per i reati di truffa ed estorsione a mezzo internet in danno di un giovane del capoluogo pentro.

Le indagini, avviate e condotte dalla Polizia Postale di Isernia e coordinate dal Sost. Procuratore Alessandro Iannitti, hanno permesso di accertare che i tre soggetti, oggi sottoposti a misura custodiale, hanno estorto alla vittima una somma superiore a 10mila euro in meno di un mese, inducendo il giovane isernino a ricaricare le proprie Postepay.

In particolare, la trappola escogitata dagli indagati era costituita dalla creazione di almeno tre profili Facebook falsi, raffiguranti ragazze di particolare bellezza, tramite i quali agganciavano la vittima (presumibilmente non l’unica a cadere nella trappola) e fingevano di intraprendere una relazione sentimentale, inducendo l’ingenuo giovane ad inviare denaro per regali e acquisti e arrivando addirittura a pianificare il matrimonio. Nella conversazione online, interveniva anche il presunto padre della ragazza, il quale intimava al giovane di inviare i soldi per l’organizzazione delle nozze.

Il perverso e subdolo meccanismo estorsivo è stato scoperto dalla Polizia Postale di Isernia che, grazie alla segnalazione del personale dell’Ufficio Postale dove il ragazzo di recava per effettuare i versamenti, è riuscita ad individuare gli intestatari delle carte Postepay ricaricate dalla vittima, corrispondenti ai tre indagati. Inoltre, gli agenti hanno acquisito le immagini di videosorveglianza dei dispositivi Postamat per individuare chi ritirasse i soldi.

La definitiva conferma del coinvolgimento dei tre indagati è avvenuta tramite le indagini tecniche volte ad individuare l’identità delle persone celate dietro i falsi profili Facebook. Come da prassi, sono stati prima richiesti alla società Facebook i file di LOG relativi all’attivazione ed all’utilizzo dei suddetti profili, in una seconda fase, tramite gli indirizzi IP ottenuti, sono stati richiesti alle compagnie telefoniche gli intestatari delle relative linee telefoniche ed i tabulati telefonici, dai quali si evinceva che le comunicazioni telematiche erano partire dalle utenze intestate o in uso ai tre indagati.

La Procura della Repubblica di Isernia ha chiesto l’emissione di idonea misura cautelare a carico dei truffatori, accolta dal GIP di Isernia che ha disposto gli arresti domiciliari con divieto di comunicare in qualsiasi modo con soggetti diversi dai propri familiari conviventi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittergoogle_plusmail

Pubblicità »

colacem
faga gioielli venafro isernia cassino
Futuro Molise
panettone artigianele natale di caprio
panettone di caprio

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

PUBBLICITA’

Pubblicità »

panettone artigianele natale di caprio
panettone di caprio
Futuro Molise
colacem
faga gioielli venafro isernia cassino

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

LAVORA CON NOI »

aziende in molise »

error: